Live Match

Villorba compatto e autoritario: espugnato il PalaCattani di Faenza

Villorba compatto e autoritario: espugnato il PalaCattani di Faenza

Organizzato, compatto e autoritario il Futsal Villorba che si impone nettamente nella splendida cornice del “Palacattani” di Faenza nel big-match di giornata con entrambe le squadre, ad inizio gara, in vetta al campionato assieme al Chiuppano.

I faentini si presentavano alla gara senza il portoghese Mendes e lo squalificato Caria mentre Regondi doveva fare ancora a meno di Busato; turno di riposo a Zoccolillo e lo solita schiera di giovani (21,10 anni la media età dei 12 schierati a Faenza) importantissimi nelle rotazioni gialloblù e come sempre tutti utilizzati in campo.
Pronti via ed il Faventia cercava di sorprendere i trevigiani con un pressing alto a tutto campo ma la tattica produrrà 4 falli di squadra nei primi 3 minuti e mezzo. Ci metteva poco il Villorba a prendere le misure dei faentini, Venier si faceva trovare prontissimo poco prima che un terribile 1-2 villorbese incanalasse il match. Prima Mazzon e poi Rexhepaj, davvero splendida la sua partita, mettevano alle spalle di Conti. Da li in poi tanto tanto Villorba con azioni davvero pregevoli, rotazioni per tutta la squadra e tre palle gol enormi sulle quali due volte era bravissimo Conti mentre nella terza solo la traversa impediva lo 0-3 di Del Piero. Garbin si vedeva respinto ancora da Venier ma al minuto 16 anticipava la doccia per un netto doppio giallo con il Villorba che però non riusciva ad arrotondare nel punteggio né con la superiorità numerica, né con un tiro libero di Mazzon che sfiorava il palo della porta del n. 1 faentino.

All’alba del secondo tempo il terribile, micidiale triplo colpo che metteva al tappeto il Faventia a cavallo del 3° e 5° minuto con la punizione di Mazzon e l’immediata sua tripletta (scollinati i 150 gol in prima squadra al Futsal Villorba dal bomber col numero 8 sulle spalle) oltre alla rete dello 0-5 con Del Piero che entrava in porta col pallone susseguentemente ad un’ottima azione corale. Mister Bottacini, che aveva perso in questi minuti pure Grelle per un problema muscolare, si giocava la carta del portiere di movimento che sortiva una sola rete del giovane Bernabei oltre all’autogol di Cavina che sentenziava l’1-6 definitivo sul tabellone visto le innumerevoli occasioni poi sciupate dai gialloblù villorbesi, unica pecca di una gara comandata dall’inizio alla fine e che ha regalato anche ai tifosi scesi dal trevigiano la settima vittoria consecutiva di una squadra che non smette di stupire per lo spirito, la mentalità e la maturità che sabato dopo sabato sa mettere in campo. Gigi Regondi, che oggi festeggia il suo compleanno, può andarne fiero continuando l’ottimo lavoro di questi mesi. Sabato prossimo 26 novembre ennesimo derby veneto al Palateatro (ore 16.00) tra Futsal Villorba e Città di Mestre.