#Under19Futsal: Fenice in fuga, la Cioli rallenta, Sandro Abate solo in vetta

18-11-2018
#Under19Futsal: Fenice in fuga, la Cioli rallenta, Sandro Abate solo in vetta

La stagione 2018-2019 deve ancora regalare una quantità infinita di emozioni, ma la penultima domenica di novembre, nel frattempo, si rivela utilissima nel conferire una fisionomia sempre più marcata a molti dei sedici gironi del campionato #Under19Futsal.

 

PRIME FUGHE – Situazione immutata nel girone A, con le prime tre che hanno già segnato più di 50 gol ciascuna: Aosta e L84 servono il pokerissimo e continuano a guardare tutti dall’alto, l’Orange Futsal Asti batte il Top Five e tiene il passo. Il trio di testa del girone B si scioglie: il Videoton Crema si impone nel big match con il CDM Genova e stacca sia i liguri che il San Carlo, sconfitto dal Milano. Il Real Cornaredo supera anche la trasferta di Lecco ed è sempre leader a punteggio pieno del girone C, a +3 su un San Biagio Monza che infila il quinto acuto in stagione regolare con l’MGM. Tornano a essere sei, ma con due gare di differenza, le lunghezze di margine tra il Giorgione, capolista del girone D, e l’Arzignano: la squadra di Marani ne fa 12 all’Atesina e risponde al 5-1 dei berici nell’anticipo con il Petrarca. Fenice Veneziamestre in fuga nel girone E: la Maccan Prata sbanca il fortino dell’Altamarca e lo rimpiazza nel ruolo di inseguitrice diretta dei lagunari, che volano a +6 sul secondo posto grazie al netto successo con la Came Dosson. Il sei su sei non riesce alla Mattagnanese, piegata dal Pistoia: la Poggibonsese opera l’aggancio alla vetta del girone F, obiettivo fallito da un Siena Nord che si arrende all’Atlante Grosseto. Volano via in due nel girone G: l’Italservice Pesaro sorride nel clou sul campo del CUS Ancona, scivolato a -6 dai rossiniani e dall’Imolese, vincente in casa del Corinaldo. Le regine del girone H, Acqua&Sapone e Civitella, affronteranno il 2 dicembre i rispettivi impegni della sesta giornata, la Tombesi, nel frattempo, è da 10 e lode con il Foligno e avvicina il trono.

 

CIME TEMPESTOSE – Primo rallentamento per la Cioli nel girone L: il 3-3 con il Lynx Latina permette al Ciampino Anni Nuovi di riportarsi a -3 dai castellani e scavalcare momentaneamente il Pomezia, impegnato il 28 novembre con il Lido. Salta il terzetto al comando del girone M: il Real Rieti cade con lo Sporting Juvenia, l’Olimpus pareggia sul campo del Savio, la Roma ne approfitta e resta lassù da sola regolando l’Italpol. Nel girone N, l’Ossi San Bartolomeo conquista il big match con il South West Sport e conserva lo scettro, Leonardo e San Paolo Cagliari si prendono la seconda piazza. I 40′ più attesi del girone P premiano il Sandro Abate, che passa 3-1 nel fortino del Fuorigrotta ed è la nuova capolista solitaria: tra le due rivali si inserisce il Lollo Caffè Napoli, che esce con tre punti dal campo del CUS Molise. Reazione immediata del Bisignano: il team di Pellegrino, battistrada del girone R, supera il Rogit e cancella lo stop di domenica scorsa, tenendo a distanza un Cataforio vincente al ritorno in campo dopo il turno di riposo. Nel girone S, la Virtus Rutigliano fa bottino pieno anche con il Capurso e allunga ancora: la Futura Matera, infatti, cede nel derby con il Real Team Matera e si fa scavalcare dal Signor Prestito CMB. Nel girone T, la Salinis ottiene un punto sul campo del Ruvo e vede avvicinarsi sia le Aquile Molfetta che il Polignano, rispettivamente a -1 e -2. Il pareggio esterno con il Mabbonath costa al Meta la vetta del girone V: il Catania non sbaglia con il Real Cefalù e sale a +2 sui concittadini, ora tallonati dal Maritime Augusta.