Pesaro a cinque stelle: Supercoppa bis contro un’immensa Feldi Eboli

04-01-2022
Pesaro a cinque stelle: Supercoppa bis contro un’immensa Feldi Eboli

Bisogna tornare indietro di quasi tre anni per trovare l’ultima squadra capace di battere l’Italservice Pesaro. Fu l’Acqua&Sapone di Tino Perez, a Faenza. È da quella sconfitta in Coppa Italia che in pratica nasce lo Special Team di Fulvio Colini. A cinque stelle. Tanti i trofei di fila dei biancorossi. La Feldi ci prova, s’illude, sfiora il colpo grosso prima di inchinarsi 6-5 ai supplementari al termine di una finale di Supercoppa da mille e un’emozione.

LE SCELTE INIZIALI – Colini è senza Carlos Espindola, semplicemente il portiere meno battuto della Serie A: gioca Cianni, un deb di 20 anni arrivato dal futsalmercato invernale in luogo del partente Miarelli. Tonidandel, Salas, Borruto, Canal compongono il primo quartetto di movimento dei campioni d’Italia. Samperi, che ritrova Colini a pochi mesi di distanza dalle Finals scudetto col Meta Catania, recupera Pesk e anche l’acciaccato Bissoni: Dal Cin, Romano, Murilo Schiochet, Calderolli e Pesk lo starting five delle Volpi ebolitane.

IL PRIMO TEMPO – Sono i due portieri a non permettere alla partita di decollare: Dal Cin respinge di piede una grande conclusione di sinistro di De Oliveira dopo una pregevole suolata di destro, proprio Cianni si supera due volte, su un tiraccio di Calderolli e su Romano, sempre dalla distanza. L’Italservice va vicinissimo al gol ancora con De Oliveira, ma Vavà è decisivo con il suo salvataggio sulla linea. La rete che sblocca la 23esima finale di Supercoppa arriva a 1’20” dal duplice fischio: il Pesaro tarda un cambio, Murilo Schiochet vede libero Calderolli, che da posizione defilata infila Cianni. Si va all’intervallo sull’1-0 per i rossoblù.

IL SECONDO TEMPO La Feldi non è quella apatica, lenta e prevedibile di questa prima parte di stagione (nella quale ha fallito l’obiettivo Final Eight) e rischia subito di raddoppiare con il pericolosissimo Caponigro: ancora una volta Cianni dice no. Gol mancato, gol subito: Salas s’inventa una super giocata, De Oliveira appoggia in rete l’1-1. Volpi ancora avanti su rimessa laterale di Romano, leggermente toccata da Cianni. Pesaro ancora a rincorrere, ci pensa il solito Salas. Che stavolta si mette in proprio e batte Dal Cin. Neanche il tempo di capire che si è sul 2-2, che arriva il capolavoro balistico di Murilo Schiochet: il suo sinistro da distanza siderale s’infila sotto l’incrocio dei pali. La reazione dell’Italservice è rabbiosa: Dal Cin salva su Salas e poi sul bolide di Canal. Non arriva il 3-3, però, ma il 4-2 della Feldi, griffato ancora da Calderolli. Una ripresa da urlo prosegue, senza esclusioni di gol. Sotto di due reti, Colini inserisce Taborda portiere di movimento e in 2’15” rimonta il doppio svantaggio, prima con l’iradiddio Salas, poi proprio con Taborda: 4-4 e overtime.

FINALE DECISA AI SUPPLEMENTARI – L’Italservice trova il primo vantaggio ai supplementari, con Titi Borruto su tacco di De Oliveira. Ma non basta a scrivere la parola fine della finale del PalaSele. La Feldi si ripresenta col 5vs4 nel secondo tempo e fa 5-5 con il solito Calderolli. I rigori sono lì, sembrano inevitabili. Ma Colini rimette Taborda portiere di movimento. E Honorio trova la rete che vale un trofeo. Il ventunesimo personale di Fulvio Colini compresa la Uefa Futsal, addirittura la nona Supercoppa per il recordman Maurito Canal. È il quinto trofeo di fila per un’Italservice Pesaro che serve il bis in una Supercoppa.

ITALSERVICE PESARO-FELDI EBOLI 6-5 d.t.s. (0-1 p.t., 4-4 s.t., 5-4 p.t.s.)
ITALSERVICE PESARO: Cianni, Tonidandel, Salas, Borruto, Canal, Ceccolini, Mariani, Fortini, Honorio, Taborda, Cuzzolino, De Oliveira, De Luca, Vesprini. All. Colini

FELDI EBOLI: Dal Cin, Romano, Pesk, Calderolli, Schiochet, Vavà, Caponigro, Trentin, Bissoni, Senatore, Melillo, Selucio, Glielmi, Pasculli. All. Samperi

MARCATORI: 18’40” p.t. Calderolli (F), 3’50” s.t. De Oliveira (P), 6’28” aut. Cianni (F), 10’09” Salas (P), 10’48” Schiochet (F), 13’53” Calderolli (F), 14’59” Salas (P), 17’14” Taborda (P), 2’06” p.t.s. Borruto (P), 3’01” s.t.s. Calderolli (F), 3’58” Honorio (P)

AMMONITI: Schiochet (F), Bissoni (F), Vavà (F), Taborda (P), De Luca (P)

ARBITRI: Luigi Alessi (Taurianova), Michele Ronca (Rovigo), Salvatore Minichini (Ercolano) CRONO: Antonio Marino (Agropoli)

 

ALBO D’ORO SUPERCOPPA ITALIANA SERIE A
1992 BNL Roma, 1993 n.d., 1994 Ladispoli, 1995 n.d., 1996 n.d., 1997 Torino, 1998 n.d., 1999 Torino, 2000 n.a., 2001 n.d., 2002 Prato, 2003 Prato, 2004 Arzignano, 2005 Perugia, 2006 Arzignano, 2007 Luparense, 2008 Luparense, 2009 Luparense, 2010 Marca, 2011Marca, 2012 Luparense, 2013 Luparense, 2014 AcquaeSapone, 2015 Pescara, 2016Pescara, 2017 Luparense, 2018 AcquaeSapone, 2019 Italservice Pesaro, 2020 non assegnata, 2021 Italservice Pesaro