Live Match

#SerieBFutsal, inizia il girone di ritorno: Sangio-Reggio Emilia Social Match

11-01-2019
#SerieBFutsal, inizia il girone di ritorno: Sangio-Reggio Emilia Social Match

Altro giro, altra corsa. Negli otto gironi della #SerieBFutsal cominci il girone di girone di ritorno: chi è in testa e vuole restarci, chi deve cambiare passo, chi non può più sbagliare per perseguire il proprio obiettivo.

GIRONE A – Turno molto interessante, il primo di ritorno, nel girone A cadetto. Il Real Cornaredo, in fuga grazie allo scontro diretto vinto sabato scorso, impegnato in un incontro tutt’altro che semplice, in quel di Aosta, contro un’avversaria con una gara in meno, riposata e pimpante prima della lunga sosta. Saints Pagnano costretto a vincere dopo la sconfitta interna con la capolista, ma i ragazzi di Lemma devono guardarsi anche le spalle, visto che il Videoton Crema (con una gara in meno) è a stretto contatto dei meratesi. Occasione Carmagnola: i gialloneri di Giuliano in caso di plausibile successo contro il pericolante Domus Bresso possono prendere punti alle big. Lecco a caccia di punti playoff a Bergamo, idem per il Pavia. Che può sfruttare il proprio impianto contro il Savigliano. Chiude il turno Isola-Rhibo Fossano.

GIRONE B – Dopo il primo pari contro l’unica inseguitrice del girone B cadetto, l’Imolese Kaos di scena a Belluno, contro un Giesse Canottieri in calo dopo un buon inizio. La Fenice cerca conferma dell’ottimo stato di forma in casa con il Cornedo, così l’altro derby veneto fra Miti Vicinalis-Città di Mestre è il big match (in ottica playoff) della dodicesima giornata di campionato. Interessante, per il post regular season, anche Maccan Prata-Sporting Altamarca: una appena tornata al successo, l’altra in grande ascesa. Il Pordenone, messo in banca la permanenza in categoria, puà cambiare obiettivo: battere il Sedico in casa, significherebbe fare un salto triplo nell’avvincente corsa ai playoff. Un tranquillo Vicenza è favorito con il fanalino di coda Atesina.

GIRONE C – La ribalta Social… Match per l prima della classe. OR Reggio Emilia in trasferta con la Sangio e visibile sulla pagina facebook della Divisione. Dietro è bagarre con la bellezza di 6 squadre in 4 punti. In tal senso, riveste grande interesse le sfide fra Sant’Agata e Cesena, un Città di Massa che sta attraversando un momento di flessione farebbe bene a non sottovalutare la Mattagnanese, che ha cambiato passo nell’ultimo periodo, tornando prepotentemente in corsa per i playoff. Più “morbido” l’impegno del Bagnolo, anche se gli emiliani sono rimaneggiati con il pericolante Montecalvoli. La Poggibonsese prenota il riscatto con il fanalino di coda Elba ’97, c’è anche Pro Patria-Athletic Chiavari.

GIRONE D – Il doppio passaggio a vuoto dei Buldog ha completamente riaperto i giochi nel girone D cadetto. La capolista non può permettersi altri scivoloni in terra pescarese, con un Real Dem in piena corsa per i playoff. Il Chieti, infatti, vola ad Ascoli con il chiaro intento di vincere e, magari, rosicchiare qualche altro punto alla battistrada marchigiani, attualmente con il fiato corto. Cus Ancona-Chaminade è un importante snodo per il post regular season: chi vincerà può sognare anche la promozione diretta. Non da meno Vis Gubbio-Faventia, divise da appena due punti, entrambe vedono il quinto posto a portata di mano. Torna in campo il Cln Cus Molise, favorito ma non ad handicao, con quell’Eta Beta grande con le big. Corinaldo-Gadtch 2000: si salvi chi può.

GIRONE E – Per Italpol e Active un’occasione da non farsi sfuggire nella giornata in cui si affrontano Futsal Futbol Cagliari e Fortitudo Futsal Pomezia (rispettivamente terza e quarta classificata, con vista vetta): la capolista di Ranieri riceve un Savio tranquillo che ha ancora qualche chance di rientrare nella corsa playoff, i viterbesi di Ceppi chiamati a superare l’ostacolo United Aprilia, discontinuo ma da prendere con le molle. Negli altri incontri, l’Atletico New Team vuole tornare a correre, Sporting Juvenia permettendo. Chiudono il turno, Forte Colleferro-San Paolo Cagliari e quel Foligno-Club Roma che riveste un ruolo forse decisivo per la permanenza nel futsal nazionale.

GIRONE F – Ha vinto il platonico titolo d’inverno con largo anticipo, ma non ha nessuna intenzione di abbassare i suoi ritmi indiavolati: l’imbattuto Futsal Fuorigrotta chiede strada all’Alma Salerno, con il pericolo di finire in testa-coda. Più difficile, però, l’impegno del Real San Giuseppe: il roster di Centonze riceve un Futsal Parete ferito dalla sconfitta interna col Canosa. E, anche per questo, ancora più pericoloso. Laudomini-Manfredonia il piatto forte della prima giornata di ritorno, un vero e proprio crocevia per il post regular season. In tal senso, il Giovinazzo è costretto a vincere con uno Junior Domitia che, in casa, va più forte rispetto all’andamento lento in trasferta. Aquile Molfetta e Canosa a pieni giri, determinate a proseguire la rincorsa al post regular season, chi sul campo del Polignano, chi in casa del Futsal Capurso.

GIRONE G – Si rinnova il duello (a distanza stavolta) fra Magic Crati Bisignano e quel Traforo che, grazie allo scontro diretto vinto sabato scorso, è soltanto a tre punti dalla testa del girone G cadetto. La capolista gioca ancora in casa ed è favorita con l’Altamura, mentre il Traforo rischia nel derby con il Paola. Bernalda alla volta di Taranto con il vento in poppa, Futura Matera e Be Board Futura possono rimanere in zona playoff, a patto che non sbaglino i rispettivi incontri con rivali traballanti: Guardia Perticara e Diaz Bisceglie.

GIRONE H – Rischia più il cacciatore rispetto alla lepre nella prima giornata di ritorno del girone H cadetto. Già, l’Assoporto Melilli affronta un Real Parco distante 19 punti. Tutt’altra avversaria aspetta il Mabbonath: il Cataforio, infatti, con un successo sorpasserebbe i neroverdi. Interessante anche Polistena-Regalbuto: Gallinica e soci hanno una serie positiva ancora aperta e puntano sulla continuità, mentre gli ennesi di Rafa Torrejon devono dimenticare il brusco stop avuto settimana scorsa col Cataforio. Negli altri incontri, il Mascalucia non può fare sconti all’Arcobaleno Ispica, in coda vietato sbagliare fra Agriplus Mascalucia-Catania e Akragas-Polisportiva Futura: in palio una importante fetta di salvezza.

IL QUADRO COMPLETO DEI DIRETTORI DI GARA