#SerieAplanetwin365, 9ª giornata: l’Italservice rimonta il Maritime, il Monday Night al Palajonio termina 3-3

10-12-2018
#SerieAplanetwin365, 9ª giornata: l’Italservice rimonta il Maritime, il Monday Night al Palajonio termina 3-3

Il Maritime Augusta vede sfumare a 51 secondi dalla sirena la vittoria contro l’Italservice Pesaro, ma torna comunque solo in vetta alla Serie A planetwin365. Al Palajonio, nel Monday Night della nona giornata trasmesso su Sportitalia, i siciliani di Tiago Polido vanno avanti 1-0 e 3-1, ma sono ripresi a meno di un giro lancette da un tiro libero di Marcelinho: finisce con un emozionante 3-3, che conferma che sia i padroni di casa sia la squadra di Colini saranno protagonisti fino alla fine di questa stagione.

Per i ragazzi di Polido un pizzico di delusione, che non cancella però il primato riconquistato (un punto di vantaggio sull’Acqua&Sapone Unigross campione in carica e prossima avversaria in campionato, che però deve recuperare la gara con il Real Rieti), con l’Italservice Pesaro che dal canto suo aggancia la Lollo Caffè Napoli al terzo posto, due gradini più in basso.

BISSONI-CAPUTO: BOTTA E RISPOSTA A sbloccare la gara, dopo 5’46”, è il protagonista forse più inatteso: quel Bissoni inserito nella lista dei quattrodici soltanto per il risentimento durante il riscaldamento di Crema. Il classe ’88 sfrutta un errore in uscita di Salas e ringrazia, insaccando alle spalle di Miarelli. La reazione dei rossininani è furiosa, veemente. E se il miglior attacco del campionato ha le polveri bagnate, la briga di rimettere la partita in parità se la prende Caputo, il fedelissimo di Colini: suolata e destro che gela sotto le gambe un Dal Cin probabilmente non irreprensibile.

LO STRAPPO DI SIMI – Ma i ragazzi di Tiago Polido sono maestri nel saper tessere la propria tela per poi colpire nel momento meno atteso, quando gli ospiti sembrano essere in controllo del gioco. La firma è la più esperta: quella di Simi, uno che non si fa fermare nemmeno da una carta di identità che recita 41 primavere. E’ il suo – a cavallo tra i due tempi – lo strappo che sembra poter dare una sterzata decisiva alla gara. Prima con una magia da pivot vero a nascondere il pallone per poi farlo ricomparire con un diagonale sul palo più lontano, poi con il 3-1 su ripartenza letale di Mancuso (partito da un pallone “estirpato” a Honorio), con una ribattuta che brucia ancora Miarelli. Il peggior nemico dell’Augusta diventa però il cronometro, con il tabellone che dopo nemmeno metà del secondo tempo fa già scattare l’allarme dei cinque falli.

REMUNTADA PESARO – Ad accendere un finale rovente ci pensa il rischiatutto di Colini a otto minuti dalla fine: Taborda gioca da portiere di movimento e la partita cambia immediatamente volto. Scelta premiata, perché un minuto dopo ci pensa Mateus – sempre positivo nel “power play” – a donare nuova linfa alla partita con il più semplice dei gol da due metri, dopo un’azione infinita. Il Pesaro si scatena, ma un Maritime in carenza d’ossigeno viene graziato nell’ordine dallo stesso Mateus, Borruto, Honorio e Marcelinho. A 93” dalla fine la partita sembra finita: Mancuso recupera senza fallo, ma a porta sguarnita deposita sul fondo. Sempre Mancuso si rovina la serata regalando il tiro libero a Marcelinho, che a 51” dalla fine gela Dal Cin con un sinistro chirurgico. E’ 3-3: per i ragazzi di Colini un punto d’oro, a un passo dalla sirena. Non un caso, viste le precedenti rimonte sui campi di Lollo Caffè Napoli e Acqua&Sapone Unigross.

CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA AGGIORNATA

MARITIME AUGUSTA-ITALSERVICE PESARO 3-3 (2-1 p.t.)
MARITIME AUGUSTA
: Dal Cin, Mancuso, Zanchetta, Fortino, Caio, Follador, Spampinato, Simi, Guedes, Lucas, Bissoni, Selucio, Centorrino, Putano. All. Polido
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Tonidandel, Honorio, Taborda, Marcelinho, Del Grosso, Caputo, Fortini, Borruto, Borrea, Mateus, Salas, Polidoro, Guennounna. All. Colini
MARCATORI: 05’46” p.t. Bissoni (M), 08’29” Caputo (P), 10’45” Simi (M); 04’39” s.t. Simi (M), 13’00” Mateus (P), 19’08” Marcelinho (P)
AMMONITI: Fortino (M), Honorio (P) e Mateus (P)
ARBITRI: Vincenzo Sgueglia (Civitavecchia), Salvatore Minichini (Ercolano), Vincenzo Brischetto (Acireale) CRONO: Salvatore Cucuzzella (Ragusa)