#SerieA2futsal, Sestu: aggancio in vetta. Meta, Odissea e Noicattaro ok

06-01-2018
#SerieA2futsal, Sestu: aggancio in vetta. Meta, Odissea e Noicattaro ok

Il 2018 si apre con una nuova capolista. E’ il Città di Sestu, che si aggiudica lo scontro al vertice, impone il primo stop al Civitella, agganciandolo in vetta al girone A. Nell’altro raggruppamento, aspettando il recupero della capolista Maritime Augusta (l’1 febbraio a Ciampino), il Meta Bricocity riduce momentaneamente il gap dalla testa della classifica.

GIRONE A – La legge del PalaSestu vale anche nel 2018. In casa i sardi sono invincibili. Manuel Erbì e Bonfin sorprendono il Civitella nel match clou della prima giornata di ritorno del girone A, Giulio Mura cala il tris in apertura di ripresa. I ragazzi di Palusci si svegliano tardi, Dodò e Borsato riaprono l’incontro, nulla più: al comando si forma un duetto. Sull’isola ci passa la B&A Sport Orte: Caique Silva e Batata Alves battono l’Ossi, portando i viterbesi a un punto dalla testa della classifica. Pari e patta, invece, nel derby berico: Pedrinho e Houenou accendono la sfida fra Carrè Chiuppano e Arzignano, nel finale arriva il guizzo di Zanella a sancire il pirotecnico 4-4. Atlante Grosseto più vicino ai playoff grazie al successo sul Leonardo, in coda tre puntoni per il Bubi Merano contro il pericolante Prato.

GIRONE B – Aspettando il posticipo fra Sammichele e Barletta e, soprattutto, Ciampino Anni Nuovi-Maritime Augusta (1 febbraio), brindano al 2018 Meta Bricocity, Odissea 2000 e Virtus Noicattaro, tutte a segno nella prima giornata di ritorno del girone B. Il solito Carmelo Musumeci è decisivo (con un doppietta) nel 3-1 ai danni di un Bisceglie a cui non basta la rete di Milucci. In un PalaEventi di nuovo aperto al pubblico, l’Odissea di Sapinho va in rete con il top scorer Leo Moraes, ma subisce l’uno-due firmato da Gattarelli e Cutrupi. Il match lo decidono Delpizzo e Dentini, nell’arco di 50”: il 3-2 consolida il podio dei bizantini. Più largo il successo di una Virtus Noicattaro. Che in casa si fa sempre rispettare, Dell’Olio e Ferdinelli mostrano i muscoli a una Salinis sempre più in crisi e ultima in classifica.