Serie B, Pagnano, Imolese, OR Reggio Emilia, Buldog e Melilli: è quasi fatta

02-03-2019
Serie B, Pagnano, Imolese, OR Reggio Emilia, Buldog e Melilli: è quasi fatta

Sarà il profumo della Final Eight, sarà che la Coppa Italia della prossima settimana dà ulteriori stimoli. Sarà. Ma sette finaliste – su otto – per la coccarda tricolore prevista nel prossimo week end a Campobasso, vanno a segno nella diciassettesima giornata del campionato di Serie B. Stecca soltanto il Be Board Ruvo, al cospetto però di una lanciata capolista. Importanti allunghi per Saints Pagnano, Imolese Kaos, Buldog e, soprattutto, per un Assoporto Melilli ancor da copertina.

GIRONE A Lo si era capito già da un po’ che erano cambiate le gerarchie nel girone A. Ora, però, c’è la certificazione. I Saints Pagnano non si fermano più, passano a Bergamo doppiando gli orobici e portano addirittura a otto i punti di vantaggio su quel Real Cornaredo che cade a Lecco contro i lariani di Gil Marques e viene agganciato da un Carmagnola corsaro sul campo del Savigliano. Aosta in doppia cifra con l’Isola, Pavia sempre a -1 dal quinto posto grazie al successo di misura nel posticipo con il Videoton Crema. Poker vincente del Rhibo Fossano con la Domus Bresso.

GIRONE B Doppia, doppia (cifra) per l’Imolese Kaos. La capolista di Carobbi non ha problemi a battere il Futsal Cornedo e allunga ulteriormente sulla Fenice, fermata sul pari a Pordenone. Sono ben undici i punti fra la prima e la seconda del girone B. Andamento lento per chi cercava punti playoff: il Miti Vicinalis crolla nella trasferta con il Sedico, lo Sporting Altamarca non va oltre il pari in casa col nuovo Vicenza di Fiorese. Fa peggio il Città di Mestre di Giacon, sorpreso in casa dal fanalino di coda Futsal Atesina. Solo un successo interno: il Maccan Prata continua la sua crisi perdendo fra le mura amiche con il Canottieri Belluno.

GIRONE C L’OR Reggio Emilia non perde un colpo, fa valere la qualità del proprio roster anche contro l’Athletic Chiavari, si volta e vede soltanto il Città di Massa alle sue spalle: i toscani di Garzelli mostrano la manita al Futsal Cesena nel big match, ma restano pur sempre a 10 lunghezze di distanza dalla compagine allenata da Margini. Negli altri incontri torna al successo il Bagnolo, che regola la Mattagnanese. Tre punti buoni per i playoff, quelli conquistati da Sangiovannese (nel derby toscano col Montecalvoli) e Pro Patria (tutto secondo copione con l’Elba ’97); in corsa per il quinto posto c’è sempre il Sant’Agata, corsaro sul campo delle Tenute Piccini Poggibonsese.

GIRONE D Da +2 a +7, tutto in due giornate. I Buldog di Lucrezia piegano il Faventia nel match clou della diciassettesima giornata del girone D, accrescendo il proprio vantaggio su quel Città di Chieti che si arrende in casa contro un Cln Cus Molise in formato Final Eight. Solo un pari per Cus Ancona (in casa con la Vis Gubbio) e l’Eta Beta contro un Corinaldo in forma. La Chaminade fa valere roster e classifica nettamente superiore nei confronti del fanalino di coda Gadcth 2000, ossigeno per il Real Dem, stavolta vincente sul Futsal Askl.

GIRONE E Non cambiano le gerarchie di un girone E sempre nelle mani dell’Italpol, ok con tanto di clean sheet nel convincente successo contro un Atletico New Team che ora rischia davvero il quinto posto, visto che il Savio coglie un punto con la Fortitudo Pomezia ed è a -5 dai biancorossi di Beccaccioli. Futsal Futbol Cagliari e Active Network, comunque, sono sempre in scia della capolista. E si confermano: chi a Colleferro ottenendo il 16esimo risultato utile consecutivo, chi contro il Foligno. United Aprilia e Sporting Juvenia esultano in trasferta: tre punti che avvicinano i laziali di Serpietri verso i playoff, quelli di Bagalà verso la salvezza diretta.

GIRONE F Sempre otto le lunghezze fra Futsal Fuorigrotta e Real San Giuseppe. A tutto vantaggio dei ragazzi di Magalhaes, dominanti sul campo del Capurso. I campani di Centonze, comunque, si preparano al meglio per la prossima Final Eight di Campobasso, passando a Giovinazzo. Aquile Molfetta e Manfredonia a braccetto sul podio: i biancorossi di Rutigliani espugnano Canosa, i sipontini di Monsignori hanno vita facile contro l’Alma Salerno. In zona playoff c’è soltanto il Lausdomini dopo lo scontro diretto favorevole contro lo Junior Domitia. La sorpresa di giornata si concretizza sul campo del Futsal Parete, violato dal fanalino di coda Volare Polignano.

GIRONE G Magic Crati Bisignano di misura a Ruvo e sempre a sette lunghezze da quel Bernalda che si riscatta dopo lo scontro al vertice perso settimana scorsa, aggiudicandosi il match casalingo con la Farmacia Centrale Paola. Il Traforo Spadafora è sempre terzo, non approfitta in pieno della sconfitta del Be Board, pareggia a Bisceglie con quel Diaz che in casa aveva già sconfitto la prima della classe. Al quinto posto c’è sempre una squadra di Matera, non il Futura – che impatta in casa con il Futsal Altamura – bensì quel Real Team di misura, in trasferta, con il Guardia Perticara. Taranto a segno: doppiato l’Orsa Aliano.

GIRONE H Solo l’aritmetica non omaggia l’Assoporto Melilli. Intanto, i ragazzi di Bosco si aggiudicano lo scontro al vertice di Palermo, battono il Mabbonath mettendolo a -12. I neroverdi devono cominciare a guardare gli specchietti retrovisori, anche se il Futsal Polistena rallenta la sua folle corsa non andando oltre il pari nella Valle dei Templi contro un’agguerrita Akragas. Bene Cataforio e Regalbuto, che danno due reti di scarto sia al Polisportiva Futura sia al nuovo Catania di Ranno. La diciassettesima giornata sorride anche ad Arcobaleno ispica e Mascalucia.