Serie A2, tre capolista: Chiuppano da solo, San Giuseppe in fuga, Melilli ok

09-11-2019
Serie A2, tre capolista: Chiuppano da solo, San Giuseppe in fuga, Melilli ok

La settima giornata porta in dote il ritorno a una capolista per ogni girone. Ognuna con il suo viaggio, ognuno diverso. Il Carrè Chiuppano ora è solo al comando, il Real San Giuseppe in fuga, Assoporto Melilli forza quattro.

GIRONE A Ormai è tradizione il cambiamento lassù. Anche se stavolta parzialmente. Il Carrè Chiuppano, infatti, ha in Leo Senna e bomber Pedrinho una coppia gol da 22 realizzazioni, passa a Brandizzo e si conferma in vetta, a differenza di un Città di Massa che cade nella trappola Gorgonzola sotto i colpi di Vitor Renoldi (nuovo top scorer del girone con 14 reti) e scivola addirittura al quarto posto, superato proprio dal Milano (ora terzo) e quel Villorba corsaro a Merate con doppio Hasaj e sempre a un punto dai “cugini” veneti del Carrè Chiuppano. Negli altri incontri, Pica Pau spinge un’Imolese che stoppa la serie positiva di 4 risultati utili del Pistoia di Quattrini, Siviero e Braga il la coppia vincente che permette al Città di Asti di uscire fuori nella ripresa e ribaltare la Fenice. Primo squillo del Città di Sestu con l’OR Reggio Emilia, scontro diretto favorevole all’Aosta sul Leonardo.

GIRONE B Sette su sette. Il Real San Giuseppe approfitta subito del pari nell’anticipo televisivo su Sportitalia fra Cobà e Fuorigrotta, regola 3-1 la Mirafin con una doppietta di Chima. E fa il vuoto dietro di sé. Sharks e flegrei sono ora a cinque lunghezze. Italpol e Tombesi sempre a braccetto ma non vanno oltre il pari, rispettivamente, nel derby contro un Active al quarto risultato utile di fila e con quella Roma che esce indenne da Ortona con un gol di Di Scala all’ultimo minuto. Olimpus sorpreso in casa dai Buldog di un Severi elevato al quadrato e ora agganciato in classifica dal Ciampino Anni Nuovi, ok in terra marchigiana col Tenax con Signori e Becchi sugli scudi. Nell’altro anticipo del venerdì, passerella Lazio con la Cioli Feros.

GIRONE C Turno tutto sommato secondo copione. Confermati i pronostici della vigilia. L’Assoporto Melilli dimentica in fretta la sorprendente eliminazione di Coppa della Divisione per mano dei cadetti del Nissa, giocando a forza quattro, in casa: doppio Failla, poker vincente alla Virtus Rutigliano. Il Real Rogit non molla un centimetro, però: i ragazzi di Tuoto impiegano pochi minuti per sbrigare la pratica Bisceglie, dopo l’iniziale botta e risposta Bavaresco-Eli Junior non c’è storia, Silon fa 12, i calabresi si prendono il settebello. Il Cus Molise non supera l’esame Atletico Cassano, cade in Puglia, resta a pari punti con la Virtus Rutigliano, viene agganciato proprio dai Pellicani di Parrilla, ma anche da un Regalbuto che dimentica il primo stop casalingo mostrando i muscoli al Sammichele. Attenzione a un Cataforio in grande ascesa: i ragazzi di Praticò passano a Barletta con qualche brivido di troppo nel finale, si staccano dalla zona calda e sono più vicini a quella playoff. Pari e patta nel derby fra Magic Crati e Polistena, incredibile ciò che accade a Manfredonia: i sipontini di Monsignori avanti 2-0 a meno di due minuti dal termine, ma il Real Cefalù trova la forza per ribaltare tutto, imponendosi 3-2!