Live Match

Serie A, Final Eight maschile: semi, tutte le dichiarazioni

Serie A, Final Eight maschile: semi, tutte le dichiarazioni

Il remake della semi di Coppa Divisione viene vinto come da pronostico dall’Italservice Pesaro, che deve ribaltare prima il Lido per conquistare la sua seconda finale di fila. La grande sorpresa della Final Eight arriva da una Feldi Eboli capace di rimontare due volte i bi-campioni uscenti dell’A&S, per poi imporsi ai tiri di rigori.

ITALSERVICE PESARO-TODIS LIDO DI OSTIA 7-2 (4-2 p.t.)
Fulvio Colini (allenatore dell’Italservice Pesaro): “Eravamo a metà strada fra il voler imporre il nostro gioco e la compattezza difensiva. Dopo il disastro dei primi tre minuti, ho chiamato il time out, dicendo ai ragazzi di costruire un altro incontro. Sfida fra due squadre in grande difficoltà, siamo usciti fuori alla distanza”.

Michele Miarelli (portiere dell’Italservice Pesaro): “Ho visto i miei compagni molto arrabbiati dopo quell’inizio. Poi abbiamo scalato una marcia, siamo stati più ordinati e abbiamo ribaltato una partita che dimostra la nostra grande solidità”.

Gianfranco Angelini (allenatore del Todis Lido di Ostia): “Siamo partiti bene, poi ci siamo fatti due reti da soli. E’ uscito fuori il Pesaro e noi siamo scesi, anche perché avevamo sette giocatori che sono stati male ieri. Diciamo che abbiamo fatto arrabbiare l’Italservice Pesaro. Certamente il Covid-19 porta molto problemi, ma anche noi non stavamo affatto bene e se perdiamo la nostra arma, l’intensità, diventa tutto più difficile”.

Federico Barra (capitano del Todis Lido di Ostia): “Fa tutto parte del nostro percorso di crescita. Ogni anno mettiamo un mattoncino. E adesso ci godiamo comunque il raggiungimento della semifinale. Mister Angelini ha messo qualcosa di importante nella nostra testa. Purtroppo quando arriva questo Borruto, puoi farci poco”.

FELDI EBOLI-ACQUA&SAPONE UNIGROSS 9-8 d.t.r. (1-1 p.t., 4-4 s.t.)
Alberto Riquer (allenatore della Feldi Eboli): “Tanti fattori ci hanno portato in finale. Nonostante l’1-3 e il 2-4, ci abbiamo sempre creduto. E’ stata una partita difficile, loro hanno tanta qualità, ma noi non siamo usciti mai dalla partita. La finale? Il Pesaro è una squadra di altissimo livello, dobbiamo recuperare in fretta e mantenere lo stesso spirito visto con l’Acqua&Sapone”.

Carlos Dal Cin (portiere della Feldi Eboli): “Da gennaio è cambiato qualcosa. Gli arrivi di Grello e Patias hanno portato tanta esperienza. Abbiamo cambiato marcia come gruppo, fisicamente ma soprattutto mentalmente. Pesaro? Sappiamo soffrire e lotteremo fino alla fine anche contro di loro”.

Fausto Scarpitti (allenatore dell’Acqua&Sapone Unigross): “Abbiamo disputato un buon primo tempo e un’ottima ripresa. Sul 3-1 purtroppo abbiamo commesso un brutto errore, ma sul 4-2 abbiamo avuto tante occasioni per ammazzare la partita. E non possiamo permetterci questi errori. Il 5vs4? Letture sbagliate. Senza nulla togliere, però, ai meriti della Feldi Eboli, meritavamo noi di andare in finale. Questo è un titolo non vinto e quindi il peso c’è, ma sono contento di ritornare a giocare in campionato subito con il Pesaro, per dimenticare l’amarezza di questa uscita balorda semi di Coppa Italia. Ripartiremo a bomba”.