Serginho porta il FF Cagliari al secondo posto: 2-0 sul campo del Savio

Serginho porta il FF Cagliari al secondo posto: 2-0 sul campo del Savio
Quaranta minuti di grande intensità, tra occasioni e belle giocate, poi il fischio finale e in un colpo solo arrivano tre punti e il secondo posto in classifica. È un Cagliari da applausi quello che esce vittorioso per 2-0 dall’insidiosa trasferta di Roma. Davanti c’era il Savio, squadra ostica e in piena lotta per entrare nei playoff, ma il Cagliari aveva un’occasione troppo ghiotta per farsela sfuggire. Complice lo scontro diretto tra Italpol e Active Network, c’era in palio la possibilità di fare un salto in avanti in graduatoria e così è stato. Ma per riuscirci c’è voluto un match intenso, come da pronostico. Perché quando a sfidarsi sono due squadre in grande forma e con tante motivazioni per arrivare ai propri obiettivi, il risultato non è mai scontato. Lo sapeva mister Diego Podda alla vigilia che aveva messo in guardia i ragazzi. E i rossoblu, in campo, ci hanno provato con la solita maturità. Compattezza e buona lettura dei momenti clou del match hanno fatto il resto con Serginho e compagni bravi a sfruttare le occasioni migliori per passare in un campo difficile per tutti.
IL MATCH – Decisiva la doppietta proprio di capitan Serginho che prima la sblocca a cinque minuti dal termine e poi mette il sigillo finale con la doppietta che vale tre punti d’oro. Nel mezzo c’è una gara giocata a viso aperto da entrambe le squadre con occasioni da una parte e dall’altra. La FFC a fare più possesso e Savio con la solita grinta e fisicità. A quattro minuti dalla fine c’è anche l’espulsione di Barbarossa a complicare il finale ma l’uomo in meno non fa sbandare la FFC che si porta a casa tre punti e sorpasso all’Active.
PODDA – “Partita difficile doveva essere e difficile è stata. Serviva l’atteggiamento giusto e lo abbiamo avuto – dice a fine match mister Diego Podda – è una vittoria che ci riempie di orgoglio per come siamo riusciti a ottenerla, superando ogni tipo di difficoltà che si è presentata, a partire dal campo sempre abbastanza insidioso. Poi gli avversari, ostici, fisici anche oltre il lecito, passando da due minuti di inferiorità in seguito all’espulsione di Barbarossa e una difesa contro il portiere di movimento, situazione nella quale il Savio è abilissimo. Ma non abbiamo subito gol e abbiamo chiuso la partita – conclude mister Podda – continuiamo il nostro cammino, continuando a crescere, trovando ogni giorno di più una compattezza di gruppo e senso di appartenenza alla società che rafforzano lo spirito che anima l’FFC”.