Sant’Isidoro in Calabria: c’è la trasferta contro la Polisportiva Futura

Sant’Isidoro in Calabria: c’è la trasferta contro la Polisportiva Futura

Tra qualche ora i ragazzi del Sant’Isidoro si metteranno in viaggio per la trasferta calabrese in casa della Futura, squadra che occupa il sesto posto in classifica con 18 punti con 5 vittorie 3 pareggi e 6 sconfitte ottenute fin qui e proverà fino alla fine a centrare la qualificazione ai play off. La società calabrese viene da un’ importante vittoria ottenuta con il Corigliano per 3-4 e ora cerca il primo successo dell’anno davanti ai propri tifosi vista la sconfitta subita 15 giorni fa con il Cittanova, la vittima sacrificale sembra essere il Sant’Isidoro. Per presentare al meglio questa gara abbiamo avuto l’onore di scambiare due chiacchiere con il mister della Futura Gianluigi Mardente che ha preso la Futura a campionato in corso nel novembre 2016 sostituendo l’esonerato Romeo. Mister Mardente ha iniziato ad allenare nel settore giovanile del Catanzaro poi nella stessa società ha debuttato in A2, ma non è andata bene a causa del fallimento della società e adesso riparte dalla Serie B dove è determinato a portare la Futura in alto in classifica “Iniziare dalla Juniores e poi essere catapultato prima in Serie A e poi in Serie B nel giro di un anno è qualcosa di indescrivibile perché sono successe troppe cose. Con l’Under 18 e con l’Under 21 ho avuto grosse soddisfazioni poi c’è stato il grande salto in A2 con un avvio di campionato discreto, fallimento a parte del Catanzaro, ora sono qui in Serie B e sono felice di aver sposato il progetto Futura perché mi trovo benissimo, sono in un gruppo e in una società fantastica. La partita con il Sant’Isidoro? Questa squadra è’ cresciuta notevolmente in queste settimane e non abbiamo intenzione di prendere sottogamba questo impegno. Noi siamo un po’ decimati tra infortuni e squalifiche e faremo a meno di Gil, Simone Martino e Matteo Calabrese, in più per squalifica perdiamo anche Caminero ”.

Il 2017 della Futura non è iniziato bene a causa della sconfitta interna subita  contro il Cittanova “Quella gara l’avevamo iniziata ottimamente portandoci avanti per 2-0 con l’occasione di fare altri gol per chiudere già prima la partita. Poi nella ripresa abbiamo perso per infortunio in sequenza tre giocatori che sono gli stessi che mancheranno nella gara con il Sant’Isidoro. Da questi episodi i miei ragazzi sono crollati mentalmente e la squadra ne ha pagato le conseguenze subendo una brutta rimonta. Anche a Corigliano abbiamo avuto a che fare con l’infermeria piena, ma abbiamo gestito la partita in maniera diversa sfruttando bene il portiere di movimento e questo ci ha permesso di portare a casa i 3 punti”.

Piccola curiosita: l’anno scorso  c’è stato un precedente tra mister Mardente e Mister Tarantino nella prima fase nazionale Under 18 dove i due siedevano rispettivamente nelle panchine di Catanzaro e Mabbonath e fu la società palermitana a passare il turno accedendo alle Final Eight “ Ricordo benissimo mister Tarantino che aveva un’ottima squadra e dimostrò a tutti di essere un allenatore preparato. Mi aspetto un Sant’Isidoro che gioca con delle caratteristiche simili a quel Mabbonath senza però la peculiarità che faceva l’anno scorso con La Rosa”

Dopo la partita tra Futura e Sant’Isidoro si giocherà il tanto atteso big match tra Real Cefalù e Maritime e abbiamo chiesto a mister Mardente chi fosse la sua favorita “Non ho ancora giocato contro il Real Cefalù,  ma ho affrontato il Maritime dove abbiamo fatto una grande partita, ma questa squadra mi ha davvero impressionato, troppo forte per la categoria e dubito che ci sia una squadra che possa competere con loro. Sicuramente sono due squadre di grande valore, ma il Maritime ha un qualcosa in più, vinca il migliore e spero che riescano a dare spettacolo e dare lustro alla nostra categoria”

Ringraziamo la Futura per averci concesso questa intervista con mister Gianluigi Mardente. Anche il Sant’Isidoro arriva in Calabria con gli uomini contati. Gli assenti saranno sicuramente Leto e Giordano che sono stati fermati dal giudice sportivo mentre per infortunio rimangono ai box Pisciotta, Scianna e notizia dell’ultim’ora pare che si sia fermato il portiere Lo Piparo che verrà valutato fino alla fine insieme ad Andrea Bruno, anche lui non in perfette condizioni. Non sarà assolutamente una passeggiata, a differenza dell’ultima trasferta calabrese dove la squadra di Tarantino strappò 3 punti pesanti in casa dell’Edilferr Cittanova. L’ultima volta di Futura – Sant’Isidoro risale al 6 febbraio del 2016 dove i biancorossi di mister Mineo persero malamente per 8 a 1. In questa stagione, nel girone di andata, il Sant’Isidoro raccolse i primi 3 punti in una partita da cardiopalma vinta per 5-4 e si spera di bissare quel successo che sarebbe fondamentale per la salvezza della società di Vadalà.

Manuel Busetta – Area Comunicazione Sant’Isidoro