#RubeiLegend, Andrea saluta il calcio a 5 con una partita d’addio da brividi

02-06-2017
#RubeiLegend, Andrea saluta il calcio a 5 con una partita d’addio da brividi

Una serata da ricordare per un campione indimenticabile. Dopo 30 anni sui campi di calcio a 5, Andrea Rubei ha ricevuto il giusto tributo in una cerimonia d’addio da brividi. Al Pala To Live di Roma, dove erano presenti nostalgici, tifosi e familiari, la leggenda del futsal italiano ha salutato il calcio a 5 in una partita che ha visto protagonisti i migliori giocatori degli ultimi 30 anni, allenati da Velasco, “Ciccio” Angelini, Gialli e Ceteroni. Con l’occasione, Rubei ha presentato anche il suo libro dal titolo “Io, Rubei, il Futsal”, che sarà acquistabile inviando una mail all’indirizzo segretaria@divisionecalcioa5.it.

Durante l’ingresso in campo, ad accompagnare i giocatori 19 bambini con indosso le maglie prodotte da Frankie Garage delle società in cui ha giocato Rubei: dal Poggio Verde alla Capitolina Marconi, passando per Marino, Sport House, Roma RCB, Lazio, Torino, BNL Roma, Torrino, Prato, Nepi, Brillante, Palestrina, L’Acquedotto, Castel Fontana, Sporting Lodigiani e Futsal Isola.

Poi parola al campo, tra battute, sano agonismo e spettacolo offerto dai protagonisti. Primo tempo a tinte gialle, poi Rubei (tripletta) cambia maglia e fa partire la rimonta dei bianchi. Durante l’intervallo, Rubei si è divertito giocando con i tanti bambini della scuola calcio a 5 della Stella Polare de La Salle, presieduta da Massimo Erando. Poi, il presidente della Divisione Calcio a cinque, Andrea Montemurro, ha svelato una sorpresa: “Dal 22 giugno, la sua maglia sarà esposta all’interno del museo del calcio della Figc”. Il diretto interessato, visibilmente emozionato, ha ringraziato il massimo dirigente.

A 10 secondi dal termine, suona la sirena in suo onore e del numero che porta sulla maglia (evento simile a quello capitato a John Terry nell’ultima al Chelsea). Rubei si prende gli applausi dei suoi compagni e del pubblico, si mette gli occhiali e inizia a firmare le prime dediche sulle pagine del suo libro. Andrea è diventato grande. In poche parole, una leggenda.

SQUADRA BIANCA-SQUADRA GIALLA 4-11
SQUADRA BIANCA: Carletti, Fratini, Milani, Lorente, Ranieri, Pozzi, Quattrini, Bearzi, Rubei, Caleca, Famà, Rinaldi. All. Velasco-G. Angelini

SQUADRA GIALLA: Maresca, Barra, Musti, Ippoliti, Matranga, I. Roma, Bacaro, M. Angelini, G. Roma, Rubei, Faiola. All. Gialli-Ceteroni

ARBITRI: Daniele Intoppa (Roma 2), Luca Di Stefano (Albano Laziale) CRONO: Angelo Bottini (Roma 1)