PSG, sei ingordo. 8-3 al Montesilvano e ora è marcia trionfale

PSG, sei ingordo. 8-3 al Montesilvano e ora è marcia trionfale

Non sembra conoscere più soste la marcia del PSG. A farne le spese stavolta è la temutissima Montesilvano di Junior e Morgado. Pratica già sbrigata nel primo tempo, chiuso sul parziale di 4-1 per i locali, che non lasciano scampo agli abruzzesi. Il finale di 8-3 per i ragazzi di Capretti la dice lunga sulla differenza vista sul parquet del Pala Orselli, al termine di una gara che sulla carta sarebbe dovuta essere molto più equilibrata. Invece di equilibrio ce n’è stato davvero poco, in quanto i giallorossi sono riusciti fin da subito a metterla sul piano giusto, tirando fuori forse la loro miglior prestazione in assoluto, fatta di grande intensità e determinazione sia nella fase difensiva che in quella di ripartenza. All’iniziale gol di capitan Sgolastra, ha risposto nel giro di un minuto Junior. I padroni di casa si sono poi portati sul 4-1 prima della sirena grazie alle reti di Silveira, ancora Sgolastra e infine Vidal. A chiudere definitivamente qualsiasi tipo di discorso sono in avvio di ripresa ancora il capitano e lo spagnolo Vidal (la cui ammonizione rimediata a metà ripresa gli farà purtroppo saltare il derby con la Tenax). L’orgoglio degli abruzzesi si manifesta con le reti dei giovanissimi Ciotti e Comignani, che riporteranno i compagni sul 6-3, ma seguirà nel finale il nuovo allungo dei giallorossi che rispondono con le reti di Guzman e Balzamo, fissando il finale appunto su un rotondo e perentorio 8-3!!

Che i dragoni avessero nelle loro corde anche questo tipo di impresa era onestamente nell’aria. Che potesse arrivare con un risultato finale così largo, ce se lo attendeva un po’ meno. Dove sia il limite tra demeriti avversari e meriti propri questo lo stabiliranno gli addetti ai lavori. Quello che a noi interessa di più è che la squadra sia in questo momento in condizioni fisiche e mentali davvero strepitose. Con l’obiettivo ormai imminente della matematica qualificazione al tabellone di Coppa Italia, non c’è da pensare ad altro se non al delicatissimo derby di sabato al Pala Tenax di Crocette. Si, nemmeno i risultati delle squadre direttamente coinvolte nella lotta al vertice devono in questo momento interessarci. Il campionato in fondo è lunghissimo e quello che ci attende sarà un massacrante girone di ritorno, con tutti gli scontri diretti per la parte alta della classifica da affrontare fuori dal bunker del Pala Orselli. Con una rosa numericamente un po’ troppo risikata, ma con la ferma intenzione di volersela giocare fino all’ultimo, chissà se sotto l’albero di Natale, il patron Galassi non voglia far trovare un altro gran bel regalo a mister Capretti?

Ed ora testa e gambe alla supersfida di sabato a Castelfidardo, dove ritroveremo due amatissimi ex come Traini e Pietracci, ma sopratutto si dovrà fare per la prima volta i conti con un’assenza importantissima come quella dello spagnolo Jordi Vidal.

Loris Petrocco

Ufficio Stampa A.S.D. PSG Potenza Picena