PSG, inarrestabile e ingordo: vittoria anche contro la Torresavio Cesena

PSG, inarrestabile e ingordo: vittoria anche contro la Torresavio Cesena

Inarrestabile la marcia del PSG che torna da quel di Cesena ancora una volta con 3 punti. E sono punti pesantissimi perché la prova a cui erano chiamati i ragazzi di Capretti non era certo delle più semplici. La squadra di Davide Placuzzi è messa benissimo in campo e corre per tutto l’arco della gara senza calare di ritmo e di intensità, e i dragoni devono sudare le proverbiali sette camice per portarsi a casa la posta in palio.

Capretti premia ancora Guzman che parte in quintetto, sulle fasce Sgolastra e Silveira con Balzamo a orchestrare la fase difensiva. Corvatta manco a dirlo a chiudere a doppia mandata la porta giallorossa. Già al primo minuto è clamorosa l’occasione che capita sul sinistro di Silveira, ben servito da Guzman, che da due passi manca il bersaglio a botta sicura. Subito vivo anche il Cesena che in un paio di circostanze mette i brividi a Corvatta. Pochi minuti ed è Guzman a ritrovarsi tra i piedi la palla del vantaggio: servito splendidamente da Balzamo lo spagnolo mette a lato di un soffio. Riprende la battaglia personale tra Silveira e Cassano: il brasiliano prima si vede ribattere il tiro da due passi in fase di ripartenza e poi il portiere cesenate gli respinge il tiro dalla distanza. Ci prova anche Sgolastra ad impensierire i padroni di casa, ma il numero uno bianconero risponde sempre presente. La squadra di Placuzzi è viva e da l’impressione di poter colpire in qualsiasi momento, anche se le azioni più pericolose che riesce ad imbastire arrivano più che altro con tiri dalla distanza. Silveira oggi è il più attivo tra i suoi e si presenta ancora dalle parti di Cassano. Manca però la cattiveria nella circostanza al brasiliano che invece di calciare con forza tenta un pallonetto che finisce alto sulla traversa. Ma il gol è nell’aria e non tarda ad arrivare. Riesce perfettamente lo schema a 3 con Balzamo che taglia in due il campo per servire Pereira che di prima apparecchia sul lato opposto del campo per l’accorrente Silveira che stavolta non sbaglia. Potrebbe anche raddoppiare il PSG: Guzman da dentro l’area calcia a lato invece di servire Diomedi piazzato a due passi dalla porta, ma deve anche dire grazie a Corvatta che con un doppio miracoloso intervento evita il pareggio dei locali. Il Cesena ora prova a mettere alle corde i dragoni, provando con percussioni per vie centrali: bravissimo ancora Corvatta a ribattere gli assalti bianconeri e Guzman a trovare la posizione giusta per salvare un tiro a colpo sicuro diretto verso la porta. Ma il finale di tempo è ancora di marca giallorossa: ancora una volta Silveira si trova a tu per tu con Cassano ma non riesce ad infilargli la palla sotto le gambe.

La ripresa riparte con i dragoni subito pericolosi: Pereira prima si vede respingere un tiro sottomisura, e poi serve un delizioso pallone sul secondo palo dove capitan Sgolastra non arriva per pochissimo. Al 4’ il Cesena trova il pareggio con il suo bomber Cesetti, complice una rara disattenzione difensiva giallorossa e un Corvatta nella circostanza rivedibile. Segue una fase del match in cui succede davvero molto poco fino al gran tiro dalla distanza di Guzman che scheggia la traversa. Sul conseguente rinvio di Cassano, Venturini è bravissimo ad addomesticare palla, proteggerla dalla marcatura di Guzman, liberarsi per il tiro di sinistro e battere Corvatta sul palo più lontano. Tutto da applausi e padroni di casa in vantaggio sui dragoni. C’è un particolare però. La capolista non ha intenzione di arrestare la sua corsa e vuole oltretutto mantenere la propria imbattibilità. E continuano a creare occasioni anche quando il palo pieno di Vidal a porta vuota lascerebbe pensare che sia davvero una giornata no. Arriva al 13’ il gol del meritatissimo pareggio: Guzman suola all’indietro sulla fascia per Silveira che con un destro potente e preciso batte Cassano sul palo più lontano. Esplode la panchina giallorossa e partecipa alla festa anche il Boss Andrea Galassi. In tribuna invece esulta anche il Pres. Daniele Urbani perché il momento è importante: invece di cedere sotto i colpi di un battagliero Futsal Cesena i dragoni reagiscono e fanno capire che possono portare a casa anche questi tre punti. Ora la partita è davvero scoppiettante con occasioni in ripartenza da entrambe le parti fino a quando Pereira riceve da Corvatta, porta palla in avanti fintando prima di andare al centro e poi defilandosi verso il corner, mette forte al centro un pallone insidioso che maldestramente Bonandi finisce per mettere alle spalle di Cassano. Rimonta completata. I ragazzi di Placuzzi accusano il colpo ma provano lo stesso la disperata mossa del quinto di movimento negli ultimi 3 minuti a loro disposizione. Balzamo potrebbe chiuderla dopo aver sradicato palla dai piedi di un avversario, ma il suo tiro dalla lunghissima distanza trova solo il palo. Poco male perché a pochi secondi dalla fine è ancora Silveira a far sfilare i titoli di coda, sempre con un tiro da oltre metà campo.

Onore a questo Cesena che ha provato a giocarsi le sue chance a viso aperto contro la capolista. Non a caso mister Placuzzi, assieme al nostro Marco Capretti, è considerato uno dei migliori tecnici nel panorama della serie B. I bianconeri, ne siamo sicuri, reciteranno da qui alla fine un ruolo da protagonisti nella corsa ai playoff. Ma noi ci godiamo questa splendida e fondamentale vittoria, conquistata ancora una volta con il cuore e la grinta, ancor più che con il bel gioco. Ritrovarsi sotto a metà ripresa e avere le capacità di ribaltare questa gara, in un Mini Palazzetto così caloroso, non sarebbe stato semplice per nessuno. I dragoni ci riescono di squadra. Ecco perché riuscire ad essere più che mai uniti potrebbe fare davvero la differenza nel raggiungimento di grandi obiettivi.

Loris Petrocco

Ufficio Stampa A.S.D. PSG Potenza Picena

____________________________________

 
Loris Petrocco
ElleppiLab.it – Graphic, WebDesign & VideoMaking
Mobile > 331 8397816