Passo falso a Barletta: la squadra di Oranges battuta 4-3

Passo falso a Barletta: la squadra di Oranges battuta 4-3

Trasferta pugliese amara per la Feldi Eboli che viene battuta dal ASD Barletta per 4 a 3 al termine di una partita strana e rocambolesca. Incontro sicuramente molto bello per gli oltre mille tifosi del Barletta che hanno reso il PalaBorgia un’autentica bolgia per lunghi tratti dell’incontro. Mister Oranges è costretto a rinunciare a Gilli ed Imparato per infortunio e ad Arillo per squalifica, rivoluziona il quintetto iniziale con Sinno Rocha Frosolone Bebetinho e Borsato e porta con sé in panchina quattro under 21: Giordano Moccaldi Nigro e Caponigro. La Feldi Eboli inizia la partita pressando altissimi e nei primi 60 secondi ha due occasioni nitide con Borsato e Frosolone, Barletta in grande confusione e mister Dazzaro è costretto a chiamare time out. Al rientro la squadra pugliese sembra stare meglio in campo ed alla prima occasione sblocca la partita con Garrote al 4° minuto che conclude ottimamente superando Sinno, fino a quel momento inoperoso. Il resto del primo tempo è un monologo della Feldi Eboli che non riesce a concretizzare numerose occasioni da gol di cui due di testa con Borsato e Duarte ed un tiro di Frosolone. Il primo tempo termina con i padroni di casa avanti ma in grande sofferenza. Lo sport però non è matematica e alla ripresa dell’incontro la Feldi Eboli ribalta il risultato grazie al gol di Borsato e ad una splendida deviazione di tacco di Frosolone, entrambi al decimo gol stagionale. Quando la Feldi sembra essersi sbloccata succede l’impensabile, in soli 3 minuti subisce 3 reti ed il Barletta ritorna avanti; i gol di Nenè Capacchione e Garrote. Tre marcature frutto di un blackout generale di tutta la formazione di Oranges che è costretto a chiamare time out per richiamare i suoi, spezzare il ritmo degli avversari e provare a spegnere un PalaBorgia infuocato. A 7 minuti dalla fine Bebetinho si libera ottimamente del suo marcatore e di destro riapre l’incontro, la Feldi è ancora viva e prova il tutto per tutto. Le occasioni non mancano, sia Duarte che Frosolone sfiorano il gol, a 2 minuti dalla fine mister Oranges richiama Sinno, incolpevole sui gol e autore di diverse parate importanti, e schiera Rocha come portiere di movimento. Purtroppo il gol non arriva e la partita si conclude 4 a 3 per il Barletta.

Passo falso della Feldi Eboli che sbatte contro un solidissimo Barletta, l’attenuante delle assenze è notevole ma non può giustificare 3 – 4 minuti di assenza dal campo che sono costati l’incontro. Positive le prestazioni dei due under 21 chiamati in causa, Nigro ha rilevato Borsato ed ha provato a far salire la squadra giocando sempre spalle alla porta e Caponigro, entrato sui 4 a 2, ha dato vivacità alla manovra offensiva. Da lunedì mister Oranges dovrà analizzare la gara e provare a capire cosa è successo in quei 4 minuti di buio, sarà poi fondamentale voltare pagina e preparare la partita in casa contro il Catania, squadra affamata di punti con necessità di salvarsi.

SPOGLIATOI Mister Dazzaro: “Penso che i miei ragazzi hanno giocato una gara di grandissimo spessore contro una squadra che è tra le favorite, non era facile giocare contro la Feldi Eboli ma devo dar merito ai miei giocatori di aver affrontato la gara con la giusta concentrazione, riscattando qualche prestazione opaca delle ultime giornate. Il nostro pubblico ci aiuta, giochiamo per loro ed oggi ci hanno sostenuto; sono davvero il nostro sesto uomo in campo. Sapevamo che Borsato era l’uomo più importante della Feldi, il giocatore da cui nascono tutte le azioni e siamo stati bravi a contenerlo e questa può essere la chiava della vittoria di questa partita.”

Mister Oranges: “Dopo un minuto abbiamo sbagliato tre palle gol nitide ed al loro primo tiro abbiamo subito gol, è stata subito una partita in salita. Sicuramente c’è stata poca attenzione a concretizzare quello che siamo riusciti a proporre in fase di possesso, non abbiamo quasi mai fatto la scelta giusta nella gestione della palla. Loro hanno delle buone individualità che ci hanno messo in difficoltà anche se non possiamo concedere l’uno contro uno in campo aperto. Non mi sento di dare comunque troppe colpe ai miei ragazzi, in settimana analizzeremo l’incontro per capire cosa non ha funzionato in quei pessimi minuti di metà primo tempo consapevoli che avevamo le rotazioni corte. Chi è entrato ha dato il massimo, Andrea Sinno ha giocato davvero bene ed ha sostituito Gilli in maniera ottimale anche Nigro e Caponigro hanno fatto bene quando sono entrati, sono dei prospetti interessanti e sicuramente ci saranno utili in futuro.”

Garrote: “Complimenti alla Feldi per aver giocato un’ottima partita, forse sarebbe stato giusto il pareggio anche se alla fine abbiamo vinto una partita che è stata davvero equilibrata ed in bilico fino alla fine. Il nostro obiettivo rimane la salvezza, siamo una squadra nuova ma credo che giocando come oggi possiamo dare fastidio ad ogni squadra.”

Rocha: “Di buono oggi c’è poco, la squadra non ha espresso un buon gioco e dopo essere andati in vantaggio non siamo stati bravi a gestire la partita, siamo caduti nel loro gioco ed alla fine è arrivata la sconfitta. In quei 3 minuti dovevamo gestire meglio la palla e per errori nostri abbiamo concesso troppe ripartenze e le abbiamo pagate a caro prezzo, nei momenti di difficoltà dobbiamo darci tutti una mano dal primo all’ultimo. Il passo falso è stato fatto, dopo Augusta abbiamo fatto una prestazione importante contro il Salinis e da lunedì vogliamo lavorare per affrontare al meglio il Catania e risalire la classifica.”

Sandro Antonini
Ufficio stampa Feldi Eboli