Pareggio spettacolo: contro l’Augusta finisce 1-1

Pareggio spettacolo: contro l’Augusta finisce 1-1

Torna a fare punti la Meta C5 nel derby casalingo contro il forte e collaudato Augusta di mister Rinaldi. Un derby giocato a mille da ambedue le formazioni che hanno consegnato spettacolo ed emozioni agli oltre 600 spettatori presenti sulle tribune del Polivalente di San Giovanni la Punta. Un pareggio che alla fine forse accontenta tutti e che ha messo in evidenza la straordinaria partita in fase difensiva sfoderata dalla Meta C5 e la grande organizzazione di gioco sfruttando l’uomo in più con il portiere Soso da parte dell’Augusta.

GRANDE RITMO, POSSESSO AUGUSTA E RIPARTENZE META – Primo tempo frizzante, ma equilibrato, con maggiore pressione da parte dell’Augusta che gestiva il possesso sfruttando come dicevamo spesso la superiorità numerica grazie al portiere di movimento. Meta di contro bene messa in campo stretta centralmente e pronta ai raddoppi o a sfruttare la fase di transizione per bucare il portiere megarese. Occasioni? Due sui piedi di Jorginho e Lele’ ma Tornatore andava messaggi chiari agli avversari sul suo stato di grazia giornaliero. Gli uomini di Samperi di contro provavano a pizzicare e riaprtire e in due occasioni prima con Kapa e poi con Schacker sfioravano la rete. Il duello Creaco-Musumeci metteva pepe alla sfida: prima era Creaco a far tremare la Meta con un doppio palo, mentre a trenta secondi dal termine del primo tempo Musumeci prima salvava con un recupero prodigioso un contropiede gol dell’Augusta e sul ribaltamento di fronte il capitano della Meta trovava in cielo il pallone perfetto di Tornatore anticipava Soso mandando la sfera in rete per l’apoteosi del Polivalente.

L’episodio perfetto insomma che regalava il vantaggio alla Meta sulla sirena del primo tempo

SUPER TORNATORE, POI CREACO – Nella ripresa la trama della gara non cambiava: Augusta sempre su, possesso palla, e 5 uomini a pressare la difesa puntese nella speranza di trovare lo spazio giusto. Il fortino  della Meta però teneva per oltre 13 minuti e in tre occasioni gli uomini di Samperi due volte con Vega e una con Musumeci sprecavano contropiedi che avrebbero potuto giustiziare l’Augusta. Cosi a sei dalla fine Creaco riusciva ad eludere l’intervento di Vega, trovava lo spazio per calciare trovando il colpo fortunato nel rimbalzo della sfera prima sul palo e poi sulla schiena di Tornatore per l’1-1. Le squadre però non si accontentavano e provavano a vincere la gara: Soso arrivava sul diagonale del solito Musumeci, mentre Tornatore prima ringraziava la traversa di Bagatini e poi si superava ancora su Jorginho. A uno dal termine ancora emozioni con Kapa ad un passo dalla rete della vittoria e sul capovolgimento di fronte le dita magiche di Tornatore sfioravano la sfera di Lele’ pronta ad entrare in porta.

Finiva cosi 1-1 un derby bello, spettacolare e adrenalitico. Per la Meta C5 un punto che torna a muovere la classifica e riconsegna rinnovato ottimismo ai ragazzi di Samperi in vista della dura trasferta contro Sammichele della prossima settimana.

Attilio Scuderi
Ufficio stampa Meta C5