Napoli, il pari sta stretto anche col Pesaro. Basile: “Dimostrato di essere forti, avanti così pure a Ciampino”

Napoli, il pari sta stretto anche col Pesaro. Basile: “Dimostrato di essere forti, avanti così pure a Ciampino”

Un’altra partita da cuore azzurro e di ottima qualità non basta a battere l’Italservice Pesaro. A Cercola nella prima di ritorno di A finisce 2-2 nei primi tre minuti il doppio vantaggio targato Coelho e Fortino, a 10’28” il 2-1 di Canal con cui si va all’intervallo. Dopo 4’42” della ripresa De Simone scappa via e De Luca si becca il doppio giallo, i partenopei vicinissimi al goal in superiorità numerica ma il tris non arriva. Fulvio Colini schiera il power play ed a 10″ dal termine è Lucas Bolo a regalare un punto a testa, per un’ulteriore beffa come col Petrarca. Perugino e compagni quinti in solitaria a quota 26 (Pescara sconfitto sul campo del Lido di Ostia), sabato alle ore 15 trasferta a Ciampino.

PRIMO TEMPO – Il primo squillo è di Arillo, il 9 si gira come una trottola e calcia con Espindola che risponde presente. Al minuto due il successivo schema da palla inattiva permette a Coelho di piazzarla ed aprire le marcature: 1-0. Nuovamente Arillo pericoloso, il tap-in di Fortino è neutralizzato dall’intervento super del portiere del Pesaro, che è nuovamente messo alla prova quando il portoghese tenta di scavalcarlo con un dolce tocco. Corner e sfera scodellata per Robocop, conclusione che con una deviazione inganna Espindola e finisce in fondo al sacco per il raddoppio azzurro a 3’03”. Il diagonale di Taborda è la reazione dei campioni in carica, Canal al volo prende il palo esterno. Ganho sbarra la strada a Borruto, il Cobra lesto nel rubare il pallone a Dian Luka davanti alla porta. Ma è proprio Mauro Canal ad accorciare le distanze a 10’28”: finalizzato lo scambio con De Luca. Ancora propositivo il centrale argentino, attento l’estremo difensore di Basile, mentre il 10 di Colini non approfitta di un regalo di Fernandinho. Ultima chance, sul fondo, per Julio De Oliveira ed è 2-1 al riposo.

SECONDO TEMPO – Occasioni per Borruto e Fortino su entrambi i fronti, Grasso va via ma il tiro si spegne a lato e De Luca coglie il legno esterno per i marchigiani. A 4’42” proprio il giocatore partenopeo tra le fila ospiti stende De Simone e si becca la doppia ammonizione: siluro di Turmena, Fortino non arriva all’appuntamento con il tris. I tentativi franano sulla traversa scheggiata dal laterale con la maglia 17, sul salvataggio sulla linea di Taborda e sul montante centrato da Robocop. Esaurito il tempo con l’uomo in più: Espindola in spaccata prima su Dian Luka, poi su Ganho avanzato per un momento. Sassata centrale di Perugino smanacciata. Lo Special One lancia così Bolo power play: Fortino sciupa a porta sgurnita e poi deve arrendersi al miracolo di Espindola. Nell’ultima azione possibile ecco la beffa, lo stesso Bolo spunta e fissa il 2-2 a 10″ dal triplice fischio.

SALA STAMPA – “Avevamo due gare per dimostrare che eravamo al livello di queste squadre – sorride in maniera amara coach Basile, – chiaro che avere motivazione contro una compagine del genere è troppo facile. Dobbiamo continuare a lavorare, anche oggi nel 5 vs 4 non abbiamo sbagliato nulla ed è merito della bravura avversaria”.

“Siamo rammaricati – dice Attilio Arillo, – ma quanto fatto ci dà tanta forza perché di fronte c’erano i detentori del titolo. Ora rialzare la testa perché c’è l’impegno del PalaTarquini, dobbiamo proseguire su questa squadra”.