Live Match

Meta sontuosa al PalaDirceu: la squadra di Samperi vince sul campo dell’Eboli

Meta sontuosa al PalaDirceu: la squadra di Samperi vince sul campo dell’Eboli

Ambiente caldo quello di Eboli contro una Feldi forte, lanciata in classifica ma contro una Meta C5 volitiva e vogliosa di continuare a stupire riprendendosi punti pesanti scippati alla formazione di Samperi. Gara dai ritmi alti fin dall’inizio, grazie ad una partenza veemente dell’Eboli abile ad appoggiarsi semrpe sul suo pivot Borsato ma veloce negli inserimenti con e senza palla. Samperi mandava in campo un quintetto equilibrato con Tornatore in porta Schacker e Vega per l’equilibrio difensivo con Musumeci e Kapa in ripartenza . Come dicevamo però era la Feldi a conquistare il primo vantaggio grazie ad un’azione ben congeniata e chiusa da Borsato per l’1-0.

Tornatore chiudeva in maniera prodigiosa su Napoli, ma gli uomini di Samperi dopo un momento di difficoltà riprendevano il controllo. Musumeci con due azioni personali metteva i brividi a Salerno e dove non arrivava l’estremo di Eboli Napoli salvava sulla linea la puntata di Musumeci. Solo preludio del pareggio con lo sfruttamento perfetto della palla inattiva dove Musumeci trovava l’angolo del pareggio.

Feldi reagiva e la partita risultava piacevole soprattutto per lo spettacolo: Tornatore chiudeva su Napoli a botta sicura, stesso discorso per Sinno sul sinistro di Messina, mentre a metà primo tempo ancora Tornatore era strepitoso su tiro secco di Cosenza.

La gara entrava nel vivo: Eboli pressava e manovrava, ma trovava un muro perfetto Meta, un elastico spietato che faceva male esaltando gli uomini in maglia nera. Al decimo e trenta secondi transizione perfetta di Musumeci ripartenza letale e rete cinica e chirurgica di Vega 1-2. Stessa filastrocca un minuto dopo ma stavolta Scheleski prima trovava l’opposizione di Salerno e sulla ribattuta centrava un palo clamoroso.

A quattro dalla fine del primo tempo Giliard sostituiva tra i pali Sinno, poi Napoli per Feldi innescava il destro ma la traversa aiutava Tornatore. La tattica di Samperi e dei suoi ragazzi premiava ancora la Meta stavolta grazie ad un grande colpo del “profeta” Messina che conquistava sfera e con un colpo sotto lasciava di sasso l’estremo di Eboli per l’orgasmo Meta, 1-3. In chiusura di prima frazione era Tornatore ad esaltarsi con una parata da urlo che lasciava le distanze immutate. Spettacolo futsal anche nella ripresa: Tornatore si allungava verso l’angolo basso sul tiro di Borsato, mentre Musumeci, Kapa e Vega sprecavano un tre contro uno da chiudere solo in rete.  Al settimo chapeau per Musumeci che da solo pizzica la palla a Pedro a centrocampo si invola in contropiede elude l’intervento e di punta piazza il più tre Meta, 1-4.

Eboli non sfruttava una punizione dal limite con Tornatore reattivo, mentre Kapa in contropiede tra lui e la rete si metteva la mano di Gilli. Ronconi chiamava l’uomo in più, ma anche qui la Meta era mostruosamente cinica e Kapa riusciva a bucare, Eboli 1, Meta 5. Faldi non mollava e cominciava un tiro a bersaglio contro Tornatore sempre sfruttando il portiere di movimento. Musumeci dalla sua area con la porta sguarnita centrava il palo, mentre il numero 12 della Meta si superava su Pedro e Cosenza, poi Borsato a otto dalla fine bucava per il 2-5. Adrenalina assoluta e voglia di andare oltre l’ostacolo: Eboli alzava il ritmo e con Arillo trovava il meno due. A cinque della fine Palazetto infiammato ma Meta che in maniera lucida non si perdeva d’animo e con Kapa riusciva ancora a mettere dentro il più tre. Eboli non mollava ma subiva ancora il break dei puntesi che ancora con il Profeta Giovanni Messina in contropiede bucavano per il settimo sigillo. Ad un minuto dalla fine sul più quattro l’orgoglio Eboli con Borsato ed ancora Arillo ma non c’èra più tempo. La Meta C5 si porta a casa un avittoria sontuosa, affamata, con una perfezione assoluta a livello tattico ed un cinismo straordinario. Tre punti preziosi su un campo impossibile che rilanciano un sogno chiamato playoff per la matricola terribile, una Meta che oggi fa sognare.

EBOLI-META 5-7 (1-3 p.t.)

EBOLI: Sinno, Bertoni, Borsato, Arillo, Scigliano, Duzao, Imparato, Frosolone, Duarte, Caponigro, Pedro Toro, Gilli. All. Ronconi

META: Tornatore, Schacker, C. Musumeci, Vega, Kapa, Messina, Ficili, Toledo, Scheleski, G. Musumeci, Coco. All. Samperi

MARCATORI: 1′ p.t. Borsato (E), 6′ C. Musumeci (M), 11′ Vega (M), 18′ Messina (M), 7’s.t. C. Musumeci (M), 10′ Kapa (M), 11′ Borsato (E), 12′ Arillo (E), 13′ Kapa (M), 18′ Messina (M), 18’23” Arillo (E), 18’48” Borsato (E)

AMMONITI: Arillo (E), Borsato (E), Vega (M), C. Musumeci (M)

ARBITRI: Luca Micheli (Frosinone), Luigi Fiorentino (Molfetta) CRONO: Nicola Raimondi (Battipaglia)

Attilio Scuderi
Ufficio stampa Meta C5