Live Match

Meta Catania Bricocity perfetta: batte l’Italservice Pesaro e centra la seconda vittoria consecutiva

Meta Catania Bricocity perfetta: batte l’Italservice Pesaro e centra la seconda vittoria consecutiva

Il boato del PalaCatania a suggellare una vittoria voluta, cercata e meritata. La Meta Catania Bricocity batte i Campioni d’Italia di Italservice Pesaro e si regala un pomeriggio di assoluta goduria dopo una gara giocata all’ultimo respiro. Il rosso a Cuzzolino, sacrosanto, a decretare lo spartiacque della gara: una superiorità numerica a quattro dalla fine che ha portato alla rete del sorpasso di Matamoros autore anche oggi di una doppietta pesantissima. A nulla è servita la pressione della squadra di Colini con l’uomo in più, perchè la Meta Catania Bricocity ha difeso bene ogni situazione con un Tornatore ancora una volta in giornata di grazia.

Veemente come l’inizio della partita con doppio ceffone all’Italservice Pesaro dei rossazzurri: prima Alonso aggressivo a rubare palla e a consegnare per il facile piattone di Vaporaki dell’uno a zero. 40 secondi più tardi ancora contropiede, stavolta a pizzicarla era il capitano Musumeci che batteva in uscita Espindola con un morbidissimo colpo sotto. Sul 2-0 Pesaro provava a guadagnare campo, ma trovava Tornatore attento e puntuale su Borruto, Taborda e Canal. Attenzione però che veniva a mancare sulla punizione di Cuzzolino, con De Luca a riaprire la gara. Nel finale dopo i tentativi respinti da Espindola e una gara appesa ad un filo il pari di Borruto che chiudeva il primo tempo.

Nella ripresa Pesaro pescava il jolly del vantaggio, ma tutto questo durava veramente poco perchè Matamoros pescava ancora il bolide perfetto del 3-3. Gara senza esclusioni di colpi, piena di batti e ribatti e di occasioni da una parte e dall’altra. Fino all’epilogo raccontato, al colpo risolutore quello ancora di Matamoros e alla difesa perfetta con Rossetti, Galan e Messina sugli scudi insieme a Tornatore. La sirena della vittoria, la seconda consecutiva per i rossazzurri che adesso tornano a pensare in grande.