Luciano Mendes alla Cioli: “Rosa giovane, ma si deve crescere in fretta per ambire a qualcosa”

Luciano Mendes alla Cioli: “Rosa giovane, ma si deve crescere in fretta per ambire a qualcosa”

La Cioli Feros resiste fino a metà del primo tempo; poi, la Tombesi mette la freccia e chiude la prima frazione di gioco a +3 (6-3). Botta e risposta nella ripresa ad Ortona, con il match che termina 8-5 a favore della formazione di casa. Buona gara tutto sommato per la formazione amarantoceleste, ancora una volta scesa in campo senza due giocatori causa le assenze di Pelezinho e Bertolini.

L’ANALISI DI Luciano Mendes. “Abbiamo iniziato molto bene, giocando in funzione dai errori loro. Poi, però, loro sono stati bravi a sfruttare sia le nostre disattenzioni che le qualità che hanno; il risultato parla da se – spiega il brasiliano -. Abbiamo cercato di stare più sul pezzo, accorciando gli spazi, a tratti lo abbiamo fatto bene”. Poi, in merito alle assenze, Luciano Mendes dice: “Non pesano, ormai è un dato di fatto: abbiamo dei giocatori infortunati che non si allenano con la squadra. Noi altri eravamo tutti a disposizione”. Sulla partita aggiunge: “Si può fare sempre di più; siamo una rosa giovane ma dobbiamo crescere e anche in fretta se vogliamo ambire a qualcosa”. Le cinque marcature di casa Cioli Feros portano la firma di capitan Marchetti, Alessio e Christian Peroni, Quagliarini e Raubo. Sabato prossimo ad attendere la formazione di Rosinha ci sarà il match interno contro l’Olimpus Roma.