Live Match

Luca Ferrari e un azzurro che brilla: “Grazie alla F.lli Bari”

Luca Ferrari e un azzurro che brilla: “Grazie alla F.lli Bari”

A 19 anni ha già debuttato in A2, segnato la sua prima rete tra i “grandi” e soprattutto ha dato un contributo importante alla F.lli Bari Rewind che sta rimontando giornata dopo giornata la classifica del campionato cadetto. Luca Ferrari, talento classe ’97 di scuola blaugrana, è uno dei fiori all’occhiello del club reggiano e la notizia della prima vera convocazione in nazionale Under 21, dopo lo stage svolto in azzurro assieme al compagno di squadra Luca Vezzani, a fine ottobre proprio al Pala Bigi di Reggio, valorizza ulteriormente il lavoro della società.

Ferrari farà parte della spedizione degli azzurrini a Praga: raduno domenica a Roma, poi doppia amichevole con i pari età della Repubblica Ceca e ritorno a casa giovedì 1 dicembre, senza saltare alcun impegno con la prima squadra di mister Nunzio Checa, impegnata questo sabato nella trasferta di Arzignano. “Quando mister Tarantino mi ha chiamato per comunicarmi la convocazione, è stata un’emozione – confessa il giocatore reggiano – Non ci speravo molto perchè ultimamente non ho giocato troppo bene; sapendo che mi seguivano con attenzione, ho sentito un po’ di pressione e non ho reso al massimo. Sono davvero orgoglioso, ma lo stesso mister Checa mi ha avvertito…”.

Dicendole cosa? “Mi ha ricordato che è difficile arrivare in nazionale, ma ancor di più restarci. Mi ha responsabilizzato sottolineandomi che la chiamata è frutto non solo del mio impegno, ma anche merito di quel che ha saputo fare la nostra squadra, valorizzando il gruppo e il singolo. E’ proprio così, rappresento il club in azzurro e se sono arrivato a questo lo devo alla F.lli Bari”.
Occhio a non distrarsi con la nazionale, c’è un campionato di A2 nel quale lottare per la salvezza, gara dopo gara…

“Assolutamente sì, anche perchè mi sento coinvolto al massimo. Inizialmente non pensavo di poter avere questo spazio, poi vuoi per le circostanze e un po’ perchè credo di essermi fatto trovare pronto, ho giocato parecchio. Quel che conta però è vedere la squadra crescere continuamente, il 7-1 sul Ciampino è stato l’apice di questa grande reazione che abbiamo avuto. E’ quasi un mese che non perdiamo, dobbiamo pensare a continuare esattamente in questo modo”.