Live Match

L’Italia U19 si inchina alla Serbia nel primo test: Azzurrini ko 3-1 a Obrenovac

L’Italia U19 si inchina alla Serbia nel primo test: Azzurrini ko 3-1 a Obrenovac

La nazionale italiana Under 19 di futsal tiene testa alla Serbia, ma deve inchinarsi agli avversari nella prima delle due amichevoli tra le due nazionali. Al Palazzetto dello Sport di Obrenovac, nel penultimo appuntamento per gli Azzurrini prima del Main Round di qualificazione all’Europeo che si giocherà il prossimo mese in Croazia, i ragazzi di Carmine Tarantino sono sconfitti 3-1, malgrado il gol di Joao a cinque minuti dalla fine che aveva riaperto la sfida. Domani, mercoledì, si replica con gara-2 a Ub, sempre con inizio alle 18.

Tarantino parte con un quartetto di movimento formato da Pettinari – questa sera capitano – Peroni, Giulii Capponi e Rivella; in porta c’è Fior dell’AcquaeSapone. La prima chance è per gli Azzurrini, Simone Achilli supera il portiere avversario con un “sombrero” ma non riesce a inquadrare lo specchio della porta. Pochi istanti dopo Fior fa buona guardia sul bolide dalla distanza di Jovica Petrović.

L’Italia insiste, ancora Achilli riceve da Riccardo Ciciotti e va alla conclusione, ma trova pronto Vladan Koljajić. Al minuto 15’25’’, tuttavia, sono i padroni di casa a sbloccare il risultato: la rete porta la firma di David Miković, che capitalizza al meglio un pallone recuperato dai suoi compagni. Alessandro Fior non riesce a trattenere il tiro del numero 10 avversario. La nazionale di Tarantino potrebbe andare al riposo sul pareggio, ma solo davanti all’estremo difensore avversario Federico Palmegiani viene “murato”.

Nella ripresa calcia a lato Christian Peroni, stesso destino dall’altra parte per la sortita di Zoran Ardeljan. Al 7’, però, la squadra di Vladimir Jovanović trova il raddoppio con Nikola Milašinović, sugli sviluppi di un’azione da rimessa laterale. Il portiere della Serbia si salva su un altro bolide dell’indomabile Achilli, poi i padroni di casa restano in inferiorità numerica per l’espulsione di Miković, punito con due gialli in meno di cinque minuti.

L’Italia riesce a far fruttare l’uomo in più e trova il gol che dimezza lo svantaggio – e la riporta in partita – con Joao: restano da giocare cinque minuti. La Serbia colpisce una traversa con Lazar Marinković, poi a 1’21’’ dalla sirena trova il gol che chiude la partita. A realizzarlo è proprio Marinković, dopo una palla rubata ai 10 metri. Finisce 3-1.

SERBIA-ITALIA 3-1 (1-0 p.t.)
SERBIA: Koljajić, J.Urošević, Rosić, Milašinović, Miković
, Dimitrijević, Tadić, M.Urošević, Marinković, Petrović, Ardeljan, Mandić, Stojanović, Milanović. All. Jovanović

ITALIA: Fior, Pettinari, Peroni, Giulii Capponi, Rivella, Ciciotti, Joao, Zaccardi, Nasta, Achilli, Ettorre, Palmegiani, Podda, Ciarrocchi. All. Tarantino

MARCATORI: 15’25’’ p.t. Miković (S), 6’58’’ s.t. Milašinović (S), 14’48’’ Joao (I), 18’39’’ Marinković (S)

AMMONITI: Rosić (S), Miković (S)

ESPULSI: al 13’10’’ del s.t. Miković per somma di ammonizioni

ARBITRI: Petar Radojčić (Serbia), Nikola Aleksić (Serbia) CRONO: Nikola Rabrenović (Serbia)