L’Alma Salerno spaventa la capolista: ko con il Lido di Ostia sul gong

L’Alma sfiora l’impresa ad Ostia. In formazione rimaneggiata e col
capitano Peluso espulso durante il match, i granata si arrendono (5-3) alla
capolista incontrastata del girone E ma “rischiano” di riaprire la partita a
35″ dalla fine, dopo un lunghissimo testa a testa con i più forti del
campionato. Sotto di un gol (1-0, calcio di punizione vincente di Fred)
all’intervallo, l’Alma pareggia con Galinanes ad inizio ripresa, gioca:
temporaneamente con l’uomo in meno per l’espulsione di Peluso (forfait in
corsa, da sommare a quelli di Mansi e Santoro per squalifica, di Raffone per
infortunio) ma trova energie e spirito di gruppo, poi anche il guizzo di
Spisso che firma il temporaneo 2-2. Il 3-2 dell’Ostia, che arriva in
contropiede dopo un errore sotto porta dei granata, riporta i salernitani
sotto nel punteggio nonostante gli avversari siano giá gravati da 5 falli
di squadra, dunque col pericolo incombente del tiro libero. L’Alma cerca il
sesto fallo ma il bravo Marchesano subisce il quarto gol al quale replica
subito Spisso. La sua personale doppietta vale il 4-3 a  35″ dalla fine.
L’Alma tenta il tutto per tutto insistendo con il portiere di movimento ma a
12″ dal termine gli arbitri puniscono il fallo di Sellitto con il tiro
libero, poi trasformato dall’Ostia per il definitivo 5-3.
25 febbraio 2017           Ufficio Stampa