La domenica più pazza che c’è: incredibile 7-7 tra Lazio e Sporting Locri

La domenica più pazza che c’è: incredibile 7-7 tra Lazio e Sporting Locri

Match non adatto ai deboli di cuore a Fiano Romano: nel terzo atto della sfida fra le romane e le calabresi esce fuori un’altra partita pazza.

Primo tempo. Gara indecifrabile e ballerina in quel di Fiano Romano. Dopo appena diciassette secondi Pomposelli stappa la sfida realizzando il gol dell’1-0 che mette la Lazio nell’invidiabile posizione di controllo. Il Locri, però, resta attaccato all’incontro e grazie ad un’autorete di Catrambone trova il gol del pareggio. Le romane, invece, quando accelerano danno sempre l’impressione di poter far male. È così che prima Di Turi, poi Patri, trovano le reti che lanciano la Lazio sul 3-1. Quando tutto sembra filare per il verso giusto, si spegne la luce: nel giro di trenta secondi Beita e Giuliano impattano la sfida. Il 3-3 resiste fino ad un minuto dall’intervallo, quando Giuliano, su una dormita difensiva laziale, invita a nozze Beita lanciando la spagnola a tutto campo per il 4-3 con il quale si chiude il primo tempo.

Secondo tempo. La ripresa è ancor più di difficile lettura del primo tempo. La Lazio riparte a testa bassa, sfiora il gol del pari, ma viene punita ancora una volta in ripartenza, con Giuliano che realizza il 5-3 al quarto. Le capitoline hanno il merito di non disunirsi, con Patri che riporta sotto la squadra con un gran gol di tacco e Vecchione che si supera parando il rigore a Soto. La spinta offensiva della Lazio mette alle corde il Locri, con Cacciola che si esalta e la Lazio che divora occasioni da rete. Patri spinge sulla linea di porta il gol del pari al quindicesimo, ma dieci secondi dopo Soto va di nuovo in gol per l’ennesimo vantaggio locrese. Neanche un minuto e Pomposelli si inventa il nuovo pareggio prima che Beita, un giro di lancette più tardi sigli il 7-6. Partita pazza, emozione a non finire: a 2′ dalla fine ancora Pomposelli riequilibra l’incontro con il gol del 7-7. La Lazio assalta col portiere di movimento, con ancora Pomposelli che va ad un passo dal gol vittoria. Ma finisce in parità una gara folle.

LAZIO-SPORTING LOCRI: 7-7 (3-4 pt)
LAZIO: Vecchione, Pomposelli, Barca, Patri Jornet, Benvenuto, D’Incecco, Catrambone, Agnello, Tirelli, Duco, Di Turi, Guercio. All. Chilelli

SPORTING LOCRI: Cacciola, Soto, Beita, Marino, Sabatino, Giuliano, Diodato, Borello, Sgrò, Rovito. All. Sansotta

MARCATRICI: 0’17” pt Pomposelli (L), 4’52” aut. Catrambone (SL), 7’42” Di Turi (L), 12’31” Patri (L), 13’12” Beita (SL), 13’43” Giuliano (SL), 19’21” Beita (SL), 5’39” st Giuliano (SL), 7′ e 15’20” Patri (L), 15’31” Soto (SL), 15’57” Pomposelli (L), 16’38” Beita (SL), 18’03” Pomposelli (L)

AMMONITE: Agnello (L), Soto (SL), Duco (L), Marino (SL), Patri (L)

NOTE: 9’30” st Vecchione para il rigore di Soto (SL)

ARBITRI: Tescarollo (Roma 1), Di Resta (Roma 2)
CRONO: Pisani (Aprilia)

S.S. Lazio C5 – Ufficio stampa