La Divisione Calcio a 5 contro ogni forma di discriminazione

05-10-2019
La Divisione Calcio a 5 contro ogni forma di discriminazione

Riguardo alla notizia, riportata da alcuni siti di informazione, dell’esclusione di una giocatrice dalla società padovana Quadrato Meticcio, la Divisione nella persona del presidente Andrea Montemurro intende sottolineare quanto segue.

“Apprendo dalla stampa che una società sportiva di Calcio a 5, la A.S. Quadrato Meticcio, avrebbe escluso dalla propria squadra una giocatrice per ragioni politiche, reputando la ragazza incompatibile perché iscritta al partito Fratelli d’Italia. Ciò mi rammarica e rattrista oltremodo. Lo sport deve essere inclusione ad ogni livello ed insegnare la tolleranza ed il rispetto, anche nelle diversità di ogni tipo. Nella Divisione calcio a 5, che ho l’onore di presiedere, non c’è spazio per chi pratica discriminazioni politiche o di qualsiasi altro genere. Ci tengo a precisare che l’associazione sportiva in questione non è iscritta ai campionati della Divisione e non potrebbe farlo mantenendo atteggiamento discriminatori che nulla dovrebbero avere a che fare con il Futsal e con lo sport”.

Andrea Montemurro