La Buldog Lucrezia ferma il CUS Molise

La Buldog Lucrezia ferma il CUS Molise

Una Buldog Lucrezia spaziale mette a KO il Cus Molise, seconda forza del girone, per 7-2. Grazie ad una prestazione di assoluto livello i “cagnacci” domano i molisani, squadra solida e compatta, e riescono nell’intento di mettere a segno ben sette reti alla quarta miglior difesa del torneo, tra l’altro i rossoblu non avevano mai subito finora sette gol. Concentrazione, determinazione e carattere sono stati gli ingredienti che hanno permesso ai Renzoni boys di ottenere un risultato prestigioso, con tre punti importanti per la classifica.
Avvio di marca Cus Molise che tiene in mano il possesso palla, senza però creare troppi pericoli, mentre la Buldog Lucrezia quando affonda non perdona: Girardi Neto prima trova il gol da punizione, poi su azione personale. Gli ospiti accusano il colpo e Gonzalez sfiora il tris da due passi. La compagine di mister Sanginario prova a riorganizzarsi, anche se in qualche occasione è attento Corvatta, mentre i gialloblu cercano il tris in ripartenza. Nel finale il match si riaccende: Debetio piazza una fucilata sotto l’incrocio ma, a stretto giro, risponde ancora uno scatenato Girardi Neto con un diagonale chirurgico per il 3-1 con cui si va al riposo lungo.
Nella ripresa il Cus Molise torna in campo con maggior convinzione e limita gli errori della prima frazione. Corvatta dice no a Turek due volte, mentre anche Vinicius ha il suo da fare ma non può nulla sulla bordata da fuori di Paludo. Mister Sanginario si gioca la carta del portiere di movimento ma la mossa non produce effetti e, in ripartenza, Gonzalez da lontanissimo mette la palla in fondo al sacco a porta sguarnita. Girardi Neto cala il sesto gol con una botta dalla distanza, deviata da Paschoal, mentre il diagonale di Di Lisio tiene accese le ultime speranze di rimonta dei rossoblu, che si infrangono sul 7-2 realizzato al 17′ da Moragas con un bel movimento.
“Le parole determinazione e concentrazione sono le parole che ho chiesto ai ragazzi per tutta la settimana, – commenta mister Elia Renzoni – quando si affronta un avversario così forte sulle individualità e sull’uno contro uno non può che essere questa l’arma. Ci siamo riusciti e ci siamo ripresi dopo la partita di Cassano che non mi è piaciuta sotto questo aspetto. Sotto il profilo dell’impegno non posso rimproverare nulla alla squadra, perchè a Cassano l’impegno c’è stato ma non c’è stata quella concentrazione ed attenzione sui particolari e sulle giocate individuali. Oggi c’è stata ed è arrivata una vittoria di prestigio, che corona con merito il lavoro dei ragazzi che hanno fatto in questi mesi”.