La Block Stem Cisternino vince ancora: 2-0 a Catania, ma che sofferenza

Dopo un’immensa sofferenza, la Block Stem supera per 0-2 il Catania, in una gara che si è dimostrato tutto fuorché una passeggiata. La doppietta di Bruno, le prodezze di De Simone e il grande palleggio del Cisternino alla lunga hanno steso la formazione siciliana, che ha dimostrato comunque di poter ambire alla salvezza, visto il coraggio e la caparbietà fatta notare al cospetto della capolista. Una grande squadra la Block Stem. Umile nel soffrire, cinica nel momento cruciale della gara. Una notte a più 9 sulla seconda, con un sogno che prende sempre più le sembianze della realtà.

La partita – De Matos out, Almir in tribuna, Parrilla opta per De Simone, Bruno, Nicolodi, Pina e Punzi. Grasso sceglie Dalcin, Lombardi, Moraes, Rogerio e Milluzzo. Il primo legno è colpito da Mieli del Catania, poi però è assolo Block Stem con i giallorossi che lambiscono due legni entrambi con Nicolodi, sul secondo Bruno in respinta sigla lo 0-1. Nel secondo tempo, Bruno riesce con il più facile dei tap in a raddoppiare. Nel finale, il Catania ci prova, ma De Simone fa il fenomeno e nega la gioia della rimonta ai siciliani.

Postpartita – In zona mista, parola al mattatore Bruno: “Non esistono partite facili, oggi si è visto. Siamo imbattuti quindi ognuno cercherà di fare risultato contro di noi, dobbiamo stare sempre attenti. Sono sicuro che il Catania toglierà qualche punto a qualche squadra di alta classifica. La nostra è stata una gara intelligente tatticamente, sapevamo che avrebbero difeso in questo modo, ma la pazienza è stata la nostra arma in più. La doppietta? La differenza la fa sempre il gruppo, la doppietta è di tutta la squadra. Il saluto finale va a Cainan, lo aspettiamo in campo a lottare e festeggiare con noi. Torna presto”.