La Block Stem Cisternino riparte da un derby: arriva la Virtus Noicattaro

Dopo quasi un mese dall’ultimo incontro, si torna in campo per la prima ufficiale del 2017, contro la Virtus Noicattaro, compagine pugliese neopromossa con l’obiettivo salvezza, che ha iniziato con il piede giusto la stagione, per poi calare nella parte finale del girone d’andata. Ad oggi è a meno 1 dall’ultimo posto salvezza, il nono, adesso occupato dalla Salinis, che ha disputato una gara in meno rispetto a Rotondo e soci.
Ci sarà ruggine per la Block Stem Cisternino, un pizzico di stanchezza per il Noicattaro, che giovedì sera ha battuto per 8-3 tra le proprie mura amiche il Matera, nel recupero della prima gara di ritorno.
Una sfida sulla carta ampiamente accessibile per i giallorossi, che invece, sul campo, trovaranno dinnanzi un avversario che vorrà fare lo sgambetto alla prima della classe, con i terribili tre Garofalo, Corona e Rotondo, colonna vertebrale della compagine di Chiaffarato, che sarà orfana però di Ferdinelli, appiedato per un turno dal giudice sportivo.

Prepartita –  A poche ore dalla gara contro i baresi, parola al d.s.Perrini: “Grande 2016, ogni componente di questa squadra ha svolto un lavoro determinante, decisivo e sostanziale. Ripartiamo dalle soddisfazione dell’anno passato, non sprecando occasioni, così come nel girone di andata, e continuando a lavorare sodo e percorrere una strada che fin qui ci sta portando notevoli soddisfazioni – ha detto il direttore giallorossi -. Voleremo bassi, così come abbiamo sempre fatto, non facendo particolari proclami, ma credendo in noi stessi e negli obiettivi che ci siamo prefissati”.
Saggio e concentratissimo il tecnico giallorosso, Pablo Parrilla: “Inizia un nuovo campionato, non abbiamo vinto nulla, quindi non adagiamoci, ma so che i miei ragazzi risponderanno al meglio dopo questa lunga
sosta. Continueremo con il nostro credo, ragionare di partita in partita”.

Buon principio – La fine del 2016 è stata da sogno, il 2017 ha nelle corde la possibilità di essere ancora più entusiasmante. Si dice che chi ben comincia è già a metà dell’opera: tre gare fondamentale per prendere il volo per il successivo tour de force, Noicattaro, Matera e Catania.
Un mese delicato che potrebbe tracciare un sentiero importante per gli obiettivi futuri.