Kick Off, domenica a San Donato arriva il Sinnai. Pesenti: “Nessuna paura”

Kick Off, domenica a San Donato arriva il Sinnai. Pesenti: “Nessuna paura”

Minimo sforzo, massima resa. Così recita l’adagio. In realtà, la Kick Off ha faticato non poco per espugnare il PalaRigopiano, ma alla fine – grazie al gol partita di Vieira – è tornato a casa con tre punti in più e il pass per la qualificazione alla Final Eight in tasca. Un traguardo che Carol Pesenti commenta con entusiasmo.

“Ci siamo trovate di fronte un Pescara coriaceo, rinforzato dai recenti acquisti e quindi non ancora amalgamato alla perfezione. Noi, però, abbiamo tenuto un buon possesso palla e abbiamo dalla nostra una Sofia in stato di grazia che ci ha permesso di vincere una trasferta resa ancora più dura dal lungo viaggio, iniziato all’alba. Penso che la condizione di forma sia positiva per tutte e spero che possa mantenersi a questo livello fino alla Coppa Italia”.

SINNAI E TERNANA – Ancora due gare ufficiali prima dell’esordio in Gold Round: in rigoroso ordine cronologico, troviamo la capolista Sinnai del dimissionario Mario Mura e la Ternana, al PalaDiVittorio.

“La crisi tecnica che ha interessato le sarde potrebbe condizionarne la gara, ma – fa notare la numero 13 – le difficoltà maggiori per loro verranno probabilmente dalle dimensioni del nostro campo: nella gara di andata non siamo riuscite a sfondare una difesa molto stretta, ma credo che in via Caviaga vedremo una gara molto diversa. Gli 80’ che chiederanno la fase regolare ci danno una doppia occasione di riscatto e noi cercheremo di raccogliere il massimo dei punti”.

E con il Breganze alle prese con il Pescara, quello di domenica diventa un match che potrebbe valere doppio per le bianconere.

“Sorpassare le beriche ci permetterebbe di avere un miglior posizionamento e pescare, magari, un’avversaria meno quotata tra le squadre comunque ben attrezzate della parte alta della classifica. Staremo a vedere, intanto – chiosa Pesenti – testa al Sinnai con l’obiettivo di ribaltare il risultato dell’andata”.