Il Syn-Bios soffre ma batte 4-3 il Signor Prestito CMB Matera

Il Syn-Bios soffre ma batte 4-3 il Signor Prestito CMB Matera

Nel recupero della 6° giornata, il Syn-Bios Petrarca supera 4-3 un sempre coriaceo CMB Signor Prestito Matera. Avvio di gara vibrante, con il Syn-Bios da subito in vantaggio con Rafinha che al 2’ devia in porta una punizione di Mello. Il CMB prova a reagire con i suoi uomini di esperienza Wilde e Ramon, e la compagine allenata da mister Giampaolo trova delle buone sortite in contropiede con i veloci Parrel e Rafinha. Joselito di punta mette i brividi a Weber all’8′ , mister Nitti aumenta la pressione inserendo Rocha e il CMB raggiunge il pareggio con un missile dell’asso brasiliano Wilde al 10’. Mello e Fornari si rendono pericolosi al 12’ ed è proprio su una conclusione del pivot italo brasiliano che Parrel ribadisce in rete il gol del 2-1. Gli ospiti provano a raggiungere il pareggio in chiusura di primo tempo esponendosi a grandi rischi: a 2 secondi dalla sirena sesto fallo dei materani ma il tiro libero di Fornari viene parato da Weber e si chiude così la prima frazione. In avvio di ripresa il Petrarca si porta sul 3-1 con Mello al 21’, con il 19 di casa bravo a chiudere sul secondo palo un bel contropiede. Bizjak prova a rispondere cinque minuti più tardi, ma il secondo gol degli ospiti arriva su un bel assist di Wilde per Santos che sigla il 3-2 al 29’. Qualche secondo più tardi episodio chiave del match: un tocco di mano provoca l’ espulsione di Rafinha e un minuto più tardi arriva il pareggio di Wilde. Il Petrarca reagisce subito e torna in vantaggio al 31’ con un bel pallonetto di Mello che batte Weber in uscita, poi mister Nitti fa avanzare il suo portiere a giocare quasi come portiere di movimento e la pressione ospite aumenta di minuto in minuto. Al 35’ Pulvirenti si fa espellere per la somma di ammonizioni e il Petrarca prova a guadagnare campo in superiorità numerica: Parrel coglie un palo clamoroso e si ritorna in parità numerica per gli ultimi tre minuti. Il tecnico ospite inserisce Bizijak come portiere di movimento e il numero 21 colpisce il palo dopo pochi secondi. L’ultimo minuto è palpitante: il Syn-Bios commette il quinto fallo, prova a far correre il cronometro e riesce a conquistare i tre punti nel concitatissimo finale.