Il Maracanà non dà scampo alla Trilacum: a Morrovalle finisce 4-0

Il Maracanà non dà scampo alla Trilacum: a Morrovalle finisce 4-0

Se mai ce ne fosse stato ancora bisogno, la partita contro le tignose trentine del Trilacum (titolari “zemaniane” si della penultima difesa del girone con 31 gol incassati, ma anche del migliore attacco dello stesso, con ben 32 reti realizzate in 6 gare, visto quella rimandata con il Rambla), è stata la dimostrazione concreta che in questo campionato non c’è mai nessuna partita scontata, che tutti possono fare risultato contro tutti, che bisogna combattere “col coltello fra i denti” contro chiunque per ottenere delle conseguenze positive, e poi non sempre puo’ anche bastare. L’MDF ha si avuto una gran mole di occasioni goals (lo score statistico, a parte le quattro reti segnate, dice 30 in tutto con 14 parate, 14 out e 2 pali per la Tiberi band, contro le 14 del Trilacum con 6 parate, 7 fuori ed 1 palo delle trentine), ma è stato molto, decisamente troppo, frugale in fase di realizzazione di queste occasioni. Merito anche del portiere Anna Tarantino che, in molteplici volte, si è avvitata in aria come un usignolo, oppure s’è opposta con temerarie uscite per bloccare i tiri-gol delle locali; mettiamoci infine molti errori millimetrici di mira che hanno visto i palloni accarezzare i montanti o la traversa della porta Trilacum: da notare che in questo “tiro al portiere in vena di paratone \ scialacquamento di palle gol”, si sono dilettate un po’ tutte le giallorossoazzurre scese in campo. Dall’altro versante del campo, la capocannoniera del torneo, la trentina Bertolini, in un paio di circostanze, ha scaldato mani e piedi di Samantha Fermani in parate di spessore, coadiuvata dalla “socia” Lazzeri che nel primo tempo ha visto una sua bomba disinnescata da Fermani. Comunque le morrovallesi si portano in vantaggio dopo 4’ quando Ciccioli intercetta sula propria trequarti Bertolini, palla a Rogani che lancia in contropiede solitario La Ferrara, tentativo di dribbling sul portiere che commette fallo in area sbilanciandola, vantaggio concesso dalle giacchette nere perché la sfera si avvia docile verso la “dimenticata” Rogani che, in tutta libertà sulla destra, la fa schizzare con laboriosità nella rete inerme. Le morrovallesi cercano ripetutamente il colpo del ko che non arriva per i motivi sopracitati, il Trilacum pizzica in ripartenza e il tempo si consuma. Inizio ripresa dove c’è una prevalenza territoriale trentina che le locali non contengono a dovere, ma non riportano danni apprezzabili allo scafo che rimane bene in linea di galleggiamento. Al 7° un rilancio a spiovere di Ciccioli è lusingato e circondato dalla sempre più convincente Gasparrini che, sterzando bruscamente a sinistra, si libera di Leonardi e poi trafigge Tarantino con una tuonante archibugiata bassa in rete. Poco dopo La Ferrara, da una decina di metri, sgretola il palo destro con una marmorea staffilata, poi ci sono numerosi interventi di Tarantino a salvaguardare la propria porta. A 03’06” dal termine, il Trilacum gioca la carta del portiere di movimento, esce Tarantino e come “quinto” entra Cretti. Questa mossa frutta un paio di occasiono locali con Di Buò (para di piede la Cretti retrocedente) e Ciccioli che non inquadra la porta vuota di poco da 20 metri, ma anche una bella imbucata di Cretti per Bertolini che sigilla il cuoio alla base del palo destro. Sul calare del sole del match succede di tutto! Rogani sfugge a Brighenti ma si vede respingere il tiro da Cretti, palla a Di Buò che spara a colpo sicuro, Cretti devia, cuoio che rimbalza sul palo destro e Rogani lo spedisce infine nella rete incustodita da 0 metri; nel corso dell’azione s’infortuna la Cretti che rimane a terra tenendosi una mano (subito soccorsa dal medico sociale del Maracanà, pare ci sia stata una dolorosissima lussazione di un mignolo che viene poi ricomposta ) e poi esce fra gli applausi del pubblico. Mancano una cinquantina di secondi, il gioco riprende con Rogani che fa partire Di Buò sulla riva sinistra, Bertolini è superata e poi, la funambolica mancina del Maracanà fa centro con una tremenda rasoiata che va ad incastrarsi sotto il “sette” lontano. Gara finita, saluti e nessun voglia di festeggiamenti, visto l’infortunio della ragazza trentina, visionata e “steccata” poi anche dai volontari della Croce Verde intervenuta sul luogo. A lei, tutto lo staff del Maracanà Dream Futsal augura una pronta guarigione.

 

MARACANA’ DREAM FUTSAL MORROVALLE – TRILACUM TRENTO 4-0
MARACANA’ DREAM FUTSAL: Samantha Fermani (gk), Greta Frontini, Michela Ciccioli, Silvia Rogani, Silvia Giosuè (K), Francesca Gasparrini, Norma Giuva, Federica Marani, Luisa La Ferrara, Federica Di Buò, Alissia Tosi, Elena Ruggeri (gk). All.: Giuliano Tiberi.
TRILACUM: Anna Tarantino (n°1), Martina Ariu, Valentina Cretti (K), Erika Pisoni, Alessandra Brighenti, Veronica Fietta, Alessia Bertolini, Barbara Leonardi, Marta Martinelli, Debora Lazzeri, Alessia Periotto, Serena Cornella. All.ce: Elisa Vialo.
Arbitri: Dario Di Nicola (Pescara), Leonardo Gaetani (S. Benedetto del Tronto).
Cronoman: Federico Boldrini (Macerata).
Reti: 03’58” p.t. [1-0] Silvia Rogani (MDF), 07’18” s.t. [2-0] Francesca Gasparrini (MDF), 19’08” s.t [3-0] Silvia Rogani (MDF), 19’30” s.t. [4-0] Di Buò (MDF).
Note: Spettatori 100 circa. Al 07’48” s.t.-palo- Luisa La Ferrara (MDF), al 18’36” s.t.-palo- Alessia Bertolini (TT), al 19’06” s.t. -palo- Federica Di Buò (MDF).

PAOLO TAMBURRINI