Il Cagliari ospita l’Atlante Grosseto: i rossoblù vogliono risollevarsi

Un crocevia fondamentale per il proseguo della stagione. È la partita tra Cagliari Futsal e Grosseto, in programma al PalaConi (inizio alle 15.30), per uno scontro diretto che, dopo la brutta prova con Bubi Merano, diventa un banco di prova anche per ritrovare la via smarrita del gioco e dell’atteggiamento dei rossoblu in campo. “Un passo indietro” aveva definito la gara di una settimana fa, mister Cocco. Oggi, a 7 giorni di distanza, Marco Dessì prova a scrollare di dosso dalla squadra il brutto momento. “Stiamo lavorando per cercare di ritrovarci dopo la sconfitta di Merano, arrivata in un modo brusco rispetto alle precedenti prestazioni – dice Dessì – ci stiamo focalizzando sui problemi che ancora non riusciamo a sistemare per ripartire e giocare come abbiamo dimostrato di saper fare”. E la gara contro Grosseto rappresenta la sfida ideale per provare anche a rilanciare una classifica diventata più preoccupante. Anche i toscani arrivano da una sconfitta, quella casalinga contro Pesarofano, ma viaggiano a quota 12 in graduatoria a tre lunghezze proprio dai rossoblu che li hanno nel mirino. Ecco che una vittoria rappresenterebbe un doppio successo, sul campo con i tre punti e in classifica con il sorpasso di una diretta concorrente per la salvezza.
MARCO DESSÌ. Per la sfida contro Grosseto, dunque, pochi fronzoli e tanta concretezza. “Badare meno al buon gioco ed essere più cinici, alla fine nel calcio vince chi segna di più dell’avversario e non chi gioca meglio – precisa Dessì – noi dobbiamo pensare di fare quello che proviamo in allenamento con il mister, la base del nostro gioco, poi focalizzarci sulla via del gol”. Proprio quella che sta mancando: “Ci capita spesso di creare tanto e non segnare, mentre al primo errore gli altri ci puniscono. In questi casi l’ansia di voler pareggiare a tutti i costi diventa un freno  – continua – è necessario provare a spostare la gara subito dalla nostra parte”. La ripresa passa per il gruppo, nuovo rispetto alla passata stagione, ma comunque coeso “i nuovi compagni si sono ambientati benissimo, alcuni conoscono l’ambiente, ma tutti insieme dobbiamo trovare continuità in più, nelle vittorie, e avere fiducia in noi stessi”. Ma anche per i singoli. “Sulla mia stagione sono contento. Lavoro ogni giorno per continuare a crescere e ringrazio il mister per la fiducia che mi sta dando – aggiunge – continuerò a impegnarmi per il bene del Cagliari e per i nostri obiettivi”. E poi, sperando nella vittoria, c’è un pensiero speciale. “Il mio pensiero va ai ragazzi di Mille Sport di Special Olimpics che sono i nostri tifosi sempre presenti e a cui voglio bene”.
CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Ma la ‘battaglia’ del Cagliari Futsal non sarà solo sul campo, sabato al PalaConi. Un’altra sfida, ancora più grande, attende sportivi e non solo, ed è quella per fermare la violenza sulle donne. Anche il Cagliari, con il presidente Marco Vacca e la società, vogliono lanciare un messaggio in occasione della giornata internazionale del 25 novembre e lo faranno direttamente dal PalaConi. Saranno i ragazzi della Special Olimpics a portare al centro del campo, prima della partita, le scarpe rosse simbolo di una lotta che deve essere senza confini. Per l’occasione le scarpe saranno quelle da calcio a 5 perché anche lo sport non può restare in silenzio. Solo un piccolo simbolo ma per un grande messaggio, urlato a gran voce da tutto il PalaConi.

Ufficio Stampa Cagliari Futsal