Il bilancio di Capretti: “Psg, la partita con l’Ossi è stata l’emblema della stagione”

Il bilancio di Capretti: “Psg, la partita con l’Ossi è stata l’emblema della stagione”

Mister termina inaspettatamente quì il sogno dei Dragoni. Bastano le tantissime occasioni da rete fallite a spiegare quanto successo nel match contro il Futsal Ossi oppure c’è dell’altro?

“L’ultima partita è stata l’emblema della stagione: 5 pali, rigore sbagliato, 3 tiri liberi contro, portiere avversario migliore in campo uscito in lacrime, infortuni e sconfitta a 15″ dal termine. Questa sembra proprio un’annata che deve finire in questo modo.”

Dopo l’incredulità ora resta tanta amarezza. Le lacrime di Sgolastra sono un pò l’emblema del momento. Come ripartirà la società e sopratutto lei si vede ancora alla guida dei Dragoni nella prossima stagione?

“Adesso è il momento di fermarsi e riposarsi … poi arriverà il tempo delle analisi e delle decisioni”

Secondo posto in campionato e partecipazione alle Final Eight di Coppa. Complessivamente in stagione 31 gare con 24 vittorie, 4 pareggi e 3 sole sconfitte (solo una casalinga) con un bilancio di 178 reti realizzate contro 76 subite. Il tutto ottenuto con una rosa di assoluta qualità ma allestita in estate ed in cui nessun giocatore aveva mai scambiato un passaggio con gli altri compagni. Tanti i motivi per ritenerla comunque una stagione assolutamente positiva. E’ d’accordo?

“Stagione strepitosa, siamo riusciti a combattere fino all’ultima giornata contro una corazzata costruita per vincere come il Civitella ed arrivare davanti ad un’altra corazzata come l’Angelana. Essere la seconda squadra delle Marche dopo il Pesaro Fano è motivo di grande orgoglio, soprattutto per una squadra/società costruita tra luglio e agosto”

Capitolo ricorsi definitivamente chiuso oppure possiamo ancora aspettarci qualche sorpresa?

“L’unica cosa certa ed accertata anche dalla Procura Federale è che il Civitella ha giocato 4 partite (compresa l’andata con il PSG) con una formazione irregolare. Aspettiamo con serenità che la Giustizia Sportiva con i suoi tempi faccia il suo corso”

C’è qualcuno che si sente di ringraziare al termine di una stagione così faticosa?

“Prima di tutto i ragazzi che mi hanno sempre dato la massima disponibilità e professionalità. Corvatta ieri e sabato scorso è sceso in campo con uno strappo (final eight ad Augusta) non ancora guarito. Il secondo ringraziamento va alla società che ha fatto sforzi enormi tra mille difficoltà. Ecco il mio rammarico più grande è non aver potuto festeggiare (per il momento) con i ragazzi e la Società un traguardo clamoroso che hanno ampiamente meritato”

Un’ultima doverosa considerazione. Siamo stati tutti felicissimi della partecipazione alle Final Eight in quanto a prestigio della manifestazione e visibilità nazionale, senza però forse tenere conto che per pensare di competere su più fronti bisogna anche avere numericamente una rosa importante. Alla luce di come sono andate le cose, sarebbe forse stato meglio concentrarsi esclusivamente sul campionato, visto poi il prezzo pagato in termini sopratutto di infortuni?

“La storia non si fa con i se e con i ma. Certo che l’infortunio di Corvatta è stato un prezzo altissimo e forse decisivo per l’aggiudicazione del campionato e con il senno del poi gli avrei volentieri fatto perdere l’aereo per Catania. Ma questi ragazzi meritavano quella vetrina prestigiosa, ed una squadra non costruita ed obbligata a vincere è giusto che sogni in tutte le competizioni”
Ufficio Stampa A.S.D. PSG Potenza Picena

____________________________________

 
Loris Petrocco
ElleppiLab.it – Graphic, WebDesign & VideoMaking
Mobile > 331 8397816