Live Match

Futsal Futbol Cagliari, prova di maturità. Podda fa cadere l’Active: “La crescita è evidente”

Futsal Futbol Cagliari, prova di maturità. Podda fa cadere l’Active: “La crescita è evidente”

Quaranta minuti di puro spettacolo ed emozioni tra gol, grandi occasioni e belle giocate. Alla fine la Futsal Futbol Cagliari si regala il miglior Natale possibile con i tre punti strappati all’Active Network e il terzo posto in classifica dietro Italpol e al duo Active-Pomezia a pari punti. Sotto l’albero i tifosi rossoblu trovano i gol di Serginho, una sentenza su rigore; di Pippo Piaz ubriacante con il dribling e tiro del primo vantaggio; di Rafael Kivits, sempre puntuale dove serve, e la doppietta di un sontuoso Alan. Oltre ai gol, però, c’è anche la forza di un gruppo capace di soffrire nei momenti più difficili davanti a un’avversaria di grande livello che ha nel portiere di movimento una marcia in più in tutto il campionato. Ed è proprio qui, nel momento di maggior sforzo ospite, che la Ffc dimostra la sua maturità, contenendo gli assalti con ordine e intelligenza, quella che serve per far sorridere mister Diego Podda e i tifosi Ffc. Adesso c’è lo stop per le feste e il saluto a un 2018 che sorride ai rossoblu lanciati nelle posizioni di testa in classifica, nell’attesa della ripresa della stagione con il match del 5 gennaio in casa dell’Atletico New Team.

IL MATCH – Doveva essere un match dalle mille emozioni e così è stato tra Active e Cagliari fin dalle battute iniziali. Ed è proprio la Ffc a partire a razzo senza dare tregua agli ospiti che già al primo minuto vacillano sulla bomba dalla distanza di Alan, ma Settimi blocca. Passano trenta secondi e Serginho, da posizione defilata, tenta il tiro ma la palla è deviata fuori. Sulla rimessa l’assist è per Barbarossa che lascia partire il tiro respinto dal portiere sui piedi di Piaz: dribling secco e palla all’angolino 1-0. Il Cagliari è attento e ci prova ancora al 3° minuto con il lob di Serginho per Piaz che al volo la mete fuori di poco. Ma è il preludio al raddoppio a firma Alan con un destro potente e preciso. L’Active ci prova al 5º con il capitano ma il tiro esce sul fondo. Due minuti dopo anche Lepadatu da lontano ma è attento Setzu a mettere in angolo. Sale il gioco dell’Active che passa a 5 dal termine. Il tiro di Rosa Garcia è improvviso e batte Setzu per il 2-1. A 4.22 dal termine il Cagliari arriva in area Active, tocco di mano ma gli arbitri non vedono. A farne le spese è mister Podda che viene allontanato per presunte proteste. Nella ripresa le emozioni non calano e a tre minuti grande occasione Cagliari. Recupera palla Serginho e avvia il contropiede due contro uno, palla a Piaz che da ottima posizione tira male. Poco dopo su angolo sempre il numero 8 rossoblu prova il tocco di punta ravvicinato ma Settimi compie il miracolo. Al 4º il miracolo è di Setzu che blocca un tiro ravvicinato a botta sicura. Un minuto dopo è rigore per i rossoblu dopo il fallo di Lepadatu su Alan. Dal dischetto Seriginho è una sentenza. Passano altri due minuti e la Ffc affonda ancora. Veloce giro palla che apre al destro di Barbarossa a incrociare sul secondo palo dove è appostato Rafael Kivits che sigla il 4-1. Con il triplo vantaggio i rossoblu rifiatano e l’Active ne approfitta. Lo show è di Elia che in due minuti sigla la sua doppietta, prima scaricando in porta un tiro solo deviato da Setzu, poi sfruttando un perfetto giro palla con il portiere di movimento per il 4-3. La Ffc però è matura e attenta e Alan a tre munti dalla fine sfodera una magia. Il pallonetto dalla sua area è con il contagiri e si infila nella porta sguarnita Active. Prima del finale c’è ancora il brivido del gol del 5-4 dello scatenato Elia, ma è l’ultimo perché per la Ffc ci sono i tre punti.

PODDA – “Sono molto contento, perché abbiamo vinto attraverso una bella prestazione – dice a fine gara mister Diego Podda – chiudiamo un periodo dove abbiamo dimostrato di aver lavorato bene e la mia miglior soddisfazione è aver visto i giocatori fare tutto quello che proviamo durante la settimana senza la mia presenza in panchina e senza alcuna mia indicazione (dopo l’espulsione a metà primo tempo ndr). Vorrei incidere poco il sabato e molto durante la settimana di allenamenti e ho apprezzato tutto questo quando ero fuori – aggiunge il tecnico rossoblu – i ragazzi hanno saputo gestire al meglio tutte le fasi della partita e sono davvero molto soddisfatto”. Anche perché davanti c’era la capolista, squadra di ottimo livello. “Quando si affronta la prima in classifica è normale che si possano vivere momenti di difficoltà ma abbiamo giocato bene anche in quelli – aggiunge Podda – subendo qualcosa sul loro portiere di movimento, dove loro sono davvero bravi, ma anche sapendo fargli male proprio nel loro punto di forza e complessivamente il saldo anche in quelle occasioni è positivo”. E alla fine resta un’altra buona prestazione in un percorso di crescita che continua. “Stiamo facendo un buon lavoro con tutto il collettivo, crescendo pian piano come dobbiamo fare – conclude mister Podda – la crescita soprattutto nell’ultimo mese è evidente anche nei dettagli che stiamo affinando, come sul portiere di movimento in fase difensiva e di possesso. Stiamo facendo un buon lavoro e abbiamo ancora margini di miglioramento: il nostro obiettivo è continuare a su questa strada”.