#FinalEightFutsal Serie A2: Pesarofano-Barletta e Prato-Milano le semifinali

10-03-2017
#FinalEightFutsal Serie A2: Pesarofano-Barletta e Prato-Milano le semifinali

In un meraviglioso #FridayFutsal, sono state definite le semifinali della #FinalEightFutsal di Serie A2. E’ iniziato tutto alle 11 del mattino, quando il Pesarofano ha sconfitto 3-1 il Policoro di Leopoldo Capurso. Alle 15.30 sfida equilibratissima fra Real Arzignano e Cristian Barletta, risolta dall’acuto finale di Garrote, che ha regalato il 3-2 alla squadra pugliese. Ancora più incerta la sfida fra Augusta e Nuova Comauto Prato, vinta ai tiri di rigore dalla formazione di Suso Rey. Decisivo l’errore dal dischetto di Bagatini. Ma il colpo della giornata lo fa il Milano, che grazie a un super Leandrinho elimina i padroni di casa della Block Stem Cisternino, gelando il PalaWojtyla.

Domani, sabato 11 marzo, le due semifinali andranno in diretta su Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e 225 del bouquet Sky). Dalle 18 il match fra Italservice Pesarofano e Cristian Barletta. Dalle 20.30 la gara fra Nuova Comauto Prato e Milano. Telecronaca di Peppe Di Giovanni, commento tecnico di Alessio Musti.

ITALSERVICE PESAROFANO-AVIS BORUSSIA POLICORO 3-1 (0-0 p.t.)

L’Italservice Pesarofano vince con il minimo sforzo. E’ un gol di Weber (direttamente dalla porta) a regalare il successo ai marchigiani, contro un Policoro arcigno e volitivo. Nel finale raddoppia Tonidandel e triplica Hector, facendo sembrare la gara più facile di quello che è stata. Il Policoro coglie subito di sorpresa il Pesarofano con il portiere di movimento (non inserito dall’inizio come aveva annunciato Capurso). Sampaio e Osvaldo si alternano e la squadra di Cafù va in difficoltà, in un primo tempo che termina 0-0. Nella ripresa prosegue il portiere di movimento del Policoro (ma è molto più difensivo). La squadra di Capurso sciupa una clamorosa palla gol con Sampaio, stoppato da Weber da due passi. Il portiere del Pesarofano rinvia e mette direttamente la palla in porta, sbloccando la gara. Il Policoro prova ad alzare il ritmo e rischia, con Stringari che spacca la traversa con il sinistro. E’ il preludio al 2-0 di Tonidandel, che da fuori pesca il primo palo. Il Policoro crolla e Hector firma il 3-0 a porta spalancata. Rende meno amaro il passivo il 3-1 di Osvaldo, a una manciata di secondi dalla fine.

ITALSERVICE PESAROFANO: Weber, Tonidandel, Tres, Hector, Stringari, Burato, Egea, Bonci, Lamedica, Mercolini, Vagnini, Gennari. All. Cafù

AVIS BORUSSIA POLICORO: Levato, Urio, Scandolara, Silon, Sampaio, Osvaldo, Lillo, Calderolli, Patamia, Nucera, Giannace, Laviola. All. Capurso

MARCATORI: 4’47” s.t. Weber (PE), 18’15” Tonidandel (PE), 19’03” Hector (PE), 19’42” Osvaldo (AP)

AMMONITI: /

ARBITRI: Carmelo Alfano (Palermo), Fabrizio Schirripa (Reggio Calabria) CRONO: Nicola Acquafredda (Molfetta)

ARZIGNANO-CRISTIAN BARLETTA 2-3 (0-0 p.t.)

Due morsi di Cristian e il colpo del solitom eterno Garrote, regalano la semifinale al Cristian Barletta, che vola in semifinale eliminando il Real Arzignano. Appena partiti, Ayose Suarez si fa male ed esce in barella, ma è il Barletta che fa vedere le cose migliori. Urbani si oppone più volte a Waltinho e compagni. Il primo tempo termina 0-0, con un ritmo non troppo elevato da parte delle due squadre. Ma all’inizio della ripresa, con un fulmine a ciel sereno, l’Arzignano sblocca il match grazie a Santana. Il Barletta non molla e trova il pari con Cristian, che scuote i suoi. La partita diventa bellissima e Cristian porta avanti il Barletta, firmando la sua doppietta personale. L’Arzignano inserisce il portiere di movimento e pareggia subito con Major, 2-2. L’Arzignano, nonostante il gol del pari, insiste con il portiere di movimento, ma la scelta non paga. Sul ribaltamento di fronte, Garrote beffa Santana con un destro potentissimo, che finisce sul secondo palo, 3-2. Gli assalti disperati dei veneti, nel finale, non danno i frutti sperati. Passa il Barletta.

ARZIGNANO: Urbani, Canto, Santana, Major, Yabre, Houneu, Negro, Levato, Rosa, Manzalli, Marzotto, Bertolaso. All. Stefani

CRISTIAN BARLETTA: Filò, Garrote, Waltinho, Cristian, Ayose, Dell’Olio, Binetti, Capacchione, Gabriel, Dibenedetto, Capuano, Acocella. All. Dazzaro

MARCATORI: 1’49” s.t. Santana (A), 5’40” e 14’30” Cristian (B), 15’04” Major (A), 18’54” Garrote (B)

AMMONITI: /

ARBITRI: Dario Di Nicola (Pescara), Pierluigi Tomassetti (Ascoli Piceno) CRONO: Luca Michele De Candia (Molfetta)

AUGUSTA-NUOVA COMAUTO PRATO 3-5 d.t.r. (2-2 s.t., 1-1 p.t.)

Il Prato elimina ai tiri di rigore l’Augusta, arrivando in semifinale di Coppa Italia, dopo una partita equilibratissima, terminata 1-1 a fine primo tempo e 2-2 al termine dei 40’. Decisivo l’errore di Bagatini ai tiri di rigore. Il Prato inizia subito alla grande, mordendo con il colpo di Josiko, servito perfettamente da Murilo. L’Augusta non molla e trova il pari con una gran botta di Basso, che fa 1-1. Costantemente con il portiere di movimento (Soso), la squadra di Rinaldi prende in mano la partita. Insiste l’Augusta, che nel finale di tempo colpisce una traversa clamorosa con il sinistro di Jorginho. Nel secondo tempo il ritmo della gara cresce e l’Augusta capovolge il risultato con l’acuto di Jorginho. Passa una manciata di secondi e il Prato pareggia con Mangione, che realizza l’immediato gol del 2-2. La partita si blocca e si scorre verso i rigori. Dal dischetto sbaglia Bagatini e segnano Rosati, Josiko e Murilo, regalando al Prato la semifinale.

AUGUSTA: Soso, Basso, Jorginho, Bagatini, Mantelli, Barone, Liistro, Ortisi, Carbonaro, Creaco, Costamanha, Indomenico. All. Rinaldi

NUOVA COMAUTO PRATO: Perez, Fumes, Josiko, Rosati, Murilo, Benlamrabet, Karaja, Mangione, Balestri, Petri, Morganti, Campagna. All. Suso Rey

MARCATORI: 2’37” p.t. Josiko (P), 7’27” Basso (A), 7’27” s.t. Jorginho (A), 7’48” Mangione (P)

AMMONITI: Soso (A), Jorginho (A), Fumes (P), Basso (A)

SEQUENZA RIGORI: Rosati (P) gol, Basso (A) gol, Josiko (P) gol, Bagatini (A) parato, Murilo (P) gol

ARBITRI: Fabio Pagliarulo (Napoli), Michele Caprioli (Venosa) CRONO: Tommaso Impedovo (Bari)

BLOCK STEM CISTERNINO-MILANO 2-4 (1-2 p.t.)
Il Milano, dopo una partita meravigliosa, zittisce i 1500 del PalaWojtyla di Martina Franca ed elimina i padroni di casa della Block Stem Cisternino. La formazione di Sau giocherà la semifinale contro il Prato, battuto 5 volte su 5 negli ultimi incontri. Per il Cisternino delusione enorme, davanti a una sontuosa cornice di pubblico. Il PalaWojtyla è una bolgia e prova a trascinare la Block Stem Cisternino, che viene colpita a freddo da un Milano che sembra non risentire dell’accoglienza del pubblico di casa. Segna capitan Esposito, ma a Martina Franca si continua a cantare. I cori si interrompono quando Luciano Mendes segna il gol del 2-0 nel silenzio generale e Parrilla chiama il time-out. Nicolodi suona la carica, ma colpisce un palo clamoroso. Il Cisternino comincia a flirtare con il gol e lo trova con Bruno, che capovolge l’inerzia della partita. Si comincia a giocare a una porta sola, anche se in contropiede Milano punge con Leandrinho. Tondi si supera più volte, ma poi combina una frittata che permette a Baron di segnare il 2-2 in apertura di ripresa. Sembra l’inizio della fine per Milano, che invece reagisce da grande squadra e trova il 3-2 con Leandrinho, imbeccato dall’invenzione di Esposito. Pina cerca Picallo che va in estirada e Tondi mette in angolo. Parrilla inserisce il portiere di movimento (De Matos), ma il Milano non fa una piega e con Leandrinho firma il gol del 4-2. Nel finale il Cisternino ci prova, ma esce sconfitto dal match.

BLOCK STEM CISTERNINO: Lupinella, Punzi, De Matos, Bruno, Pina, Picallo, Dener, Ricci, Nicolodi, Baron, Sicilia, De Simone. All Parrilla

MILANO: Tondi, Fantecele, Alan, Luciano Mendes, Esposito, Juanpe, Gargantini, Leandrinho, Brioschi, Migliano Minazzoli, Ghezzi, Murdaca. All. Sau

MARCATORI: 1’55” p.t. Esposito (M), 5’57” Luciano Mendes (M), 14’17” Bruno (C), 3’27” s.t. Baron (C), 7’11’ e 17’13” Leandrinho (M)

AMMONITI: De Matos (C), Baron (C), Punzi (C)

ARBITRI: Calogero Castellino (Treviso), Natale Mazzone (Imola) CRONO: Paolo De Lorenzo (Brindisi)

IL REGOLAMENTO In caso di parità al termine dei quarti di finale e delle semifinali, si procederebbe direttamente con l’esecuzione dei tiri di rigore. Al termine della finale, invece, in caso di parità sono previsti due tempi supplementari della durata di 5′ ciascuno.

LA COPERTURA DEI MEDIA I quarti di finale della Final Eight della Coppa Italia di Serie A2 saranno trasmessi in diretta Facebook sulla pagina della Divisione Calcio a cinque. Le semifinali e la finale saranno trasmesse in diretta su Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre, canale 225 di Sky): telecronaca di Peppe Di Giovanni, commento tecnico di Alessio Musti.

 

FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE A2 (PalaWojtyla, Martina Franca)
QUARTI DI FINALE – VENERDI’ 10 MARZO 

(2) ITALSERVICE PESAROFANO-AVIS BORUSSIA POLICORO 3-1
(1) REAL ARZIGNANO-CRISTIAN BARLETTA 2-3
(4) AUGUSTA-NUOVA COMAUTO PRATO 3-5 d.t.r.
(3) BLOCK STEM CISTERNINO-MILANO 2-4

SEMIFINALI, SABATO 11 MARZO
(5) ITALSERVICE PESAROFANO-CRISTIAN BARLETTA (ore 18, diretta su Sportitalia)
(6) NUOVA COMAUTO PRATO-MILANO (ore 20.30, diretta su Sportitalia)

FINALE, DOMENICA 12 MARZO
VINCENTE 5-VINCENTE 6 (ore 20.30, diretta su Sportitalia)

 

ALBO D’ORO
1999-2000 Cotrade Torino, 2000-2001, Bergamo, 2001-2002 Perugia, 2002-2003 Terni, 2003-2004 Giemme Reggio Emilia, 2004-2005 Leghe Leggere Napoli, 2005-2006 Cesena, 2006-2007 Napoli Barrese, 2007-2008 Maran Spoleto 2008-2009 Torrino S.Club, 2009-2010 Gruppo Fassina, 2010-2011 Casinò di Venezia, 2011-2012 Cogianco Genzano, 2012-2013 Napoli Futsal S.Maria, 2013-2014 Fuente Lucera, 2014-2015 Italservice Pesarofano, 2015-2016 Came Dosson