Final Eight A2 Femminile, Audace Verona-Best e Bitonto-Padova le semifinali

Final Eight A2 Femminile, Audace Verona-Best e Bitonto-Padova le semifinali

Tolentino ha dimezzato le pretendenti alla Coppa Italia di Serie A2 Femminile. Audace Verona, Best, Bitonto e Padova continuano la loro corsa nelle semifinali di Porto San Giorgio. Le scaligere di Donisi regolano la Virtus Romagna, le capitoline tutto cuore e grinta eliminano il TikiTaka Francavilla, la corazzata neroverde mostra muscoli e tanta qualità alla Vis Fondi, il Padova supera a pieni voti l’ostacolo Molfetta.

VIRTUS ROMAGNA-AUDACE VERONA 1-3 (0-2 p.t.)

L’Audace Verona si prende subito la partita: Puttow calcia in porta ma trova un’attenta Faccani brava ad alzare la sua forte conclusione sopra la traversa, stessa sorte per Tombola il cui tiro viene respinto dal numero uno virtussino. Coppola scheggia il palo con una conclusione defilata e Rasetti spreca una appetitosa ripartenza 3vs1, dopo l’unica occasione della Virtus Romagna, con Berti. I gol arrivano nel finale di frazione: De Brito duetta con Abagnale e supera Faccani in uscita. Un eurogol di Tombola fissa il punteggio sul 2-0 all’intervallo. Faccani tiene in vita la Virtus Romagna salvando prima su De Brito, poi su Rasetti. L’altra faccia di una Virtus molto più propositiva nella ripresa è Valentina Mencaccini. La Pulce di Pergola – di gran lunga la migliore in campo – dopo mille chiusure difensiva, riapre la gara con una percussione centrale e l’assist di Cremonesi. Leonardi va vicinissima al 3-1 colpendo un palo da ottima posizione. Imbriani a 6’ dal termine rompe gli indugi e si gioca a sorpresa la carta del portiere di movimento: Giuva scheggia il palo, troppo poco per una Virtus che ha avuto il demerito di entrare in partita troppo tardi, la rete di Coppola chiude anticipatamente l’incontro. La squadra di Donisi approda in semi.

BEST SPORT-TIKITAKA FRANCAVILLA 6-4 (1-0 p.t.)

Ritmi più sostenuti sin dall’inizio nel secondo quarto di Tolentino, nella unica sfida del PalaChierici fra squadre promosse in A. Felicetti ha la palla del vantaggio ma la spreca calciando alto sopra la traversa da ottima posizione. Dopo 5’ il Best resta in 4 per una sbracciata di Boni sanzionata col rosso. Il Francavilla cinge d’assedio il fortino biancoceleste nei 2’ di superiorità numerica: Pastorini colpisce prima una traversa, poi vede negarsi da Luzi il possibile 1-0. Il Best soffre, si difende con le unghie e con i denti e colpisce a 30” dal duplice fischio, con una ripartenza letale iniziata da una super Ceccobelli e conclusa da capitan Zampetti sul secondo palo. Anche nella ripresa il Francavilla si rimette nella metà campo avversaria, ma il Best è letale quando riparte: una gran puntata di Marsili vale il 2-0 capitolino. Il Francavilla accusa il colpo e ne prende un altro: Ceccobelli si mette in proprio e con una chirurgica puntata all’angolino cala il tris. Chicchiricchi non ci pensa sue volte. E a 15’ dalla fine usa il 5vs4, con Pastorini portiere di movimento. Inizia un’altra partita: Nobilio realizza due reti in fotocopia, sfruttando i traccianti di Gerardi. Ma il Best ha una Ceccobelli strepitosa, bravissima in tutte le fasi, precisa nel siglare dalla sua metà campo il 4-2. Romano imita l’ex Lazio, ristabilendo i tre gol di vantaggio sul TikiTaka. Ma le pescaresi non si arrendono neanche stavolta: Nobilio-Giorgia Verzulli, gara nuovamente riaperta a meno di 3’. Best in apnea, così Felicetti si gioca il jolly: la rete del 6-4 sempre dalla propria metà campo. Stavolta il Francavilla non ha più le forze, né il tempo per rimontare, sul palo di Pastorini s’infrangono i sogni di gloria del Francavilla. Best in semi.

POLISPORTIVA FIVE BITONTO-VIS FONDI 4-1 (2-1 p.t.)


Il Bitonto impiega 2’20” per sbloccare il risultato con Moreira, concretizzando un approccio proprio di chi vuole indirizzare l’incontro a proprio favore, sin dall’inizio. Dopo neanche quattro minuti le indiavolate ragazze di Pannarale raddoppiano con Jozita Azevedo su punizione, complice anche un errato posizionamento della barriera. La Vis Fondi entra praticamente in campo col doppio svantaggio sulle spalle, i primi segnali di risveglio arrivano da Colucci. Che a Gaby Tardelli battuta, colpisce il palo. Passato lo spavento, il Bitonto torna a menare le danze, e Jozita rischia di ripetersi su punizione, ma stavolta la traversa salva Iarriccio dalla botta impressionante della brasiliana. Dal possibile 3-0 a 2-1 il passo è breve: il tempo di una ripartenza chiusa da Guercio, nella quale Gaby Tardelli poteva fare di più. Altra trasversa del Bitonto con Othmani, al riposo sul 2-1. La fortuna non arride al Bitonto neanche nella ripresa, visto Jozita colpisce un altro clamoroso (doppio) palo. A dirla tutta Acevedo prenderebbe un nuovo doppio legno – ben servita al centro dell’area da Loth – ma buon per lei che il pallone le rimane lì, e deve essere solo spinto. Sotto 3-1, la Vis Fondi si aggrappa alle parate di Iarriccio, decisiva ancora su Jozita, Loth, Moreira e Othmani. Moreira e Loth colpiscono altri due pali, così Cibelli si gioca Paz portiere di movimento. La parole fine, anticipata, a 4’ dal termine: si passa in un amen dalla clamorosa traversa colpita da Patri che sarebbe valso il 3-2 al 4-1, griffato Gaby Tardelli. Potrebbe arrivare anche il 5-1 last minute, ma il tiro di Moreira termina sul palo. Naturalmente.

PADOVA-MOLFETTA 4-2 (2-0 p.t.)

Si capisce subito che il Padova ne ha di più. Le ragazze di Barcaro conducono la prima frazione conquistando il predominio territoriale e costringendo sin da subito Liuzzo agli straordinari: il portiere del Molfetta salva prima su Lidya Silva poi su Tasca. Ma non può nulla davanti all’invenzione di Jessica Fernandez, che si mette in proprio: suolata e bordata a incrociare, palla in rete! Il raddoppio è nell’aria, anche se ci vuole un erroraccio difensivo pugliese a liberare Lidya Silva al tiro: 2-0 all’intervallo, nonostante una doppia chiara occasione per Mezzatesta e Gelsomino, sventata in entrambi i casi da un’ottima Trovo. Un altro Molfetta nella ripresa: un peccato per Gelsomino, in mischia, non spingerla in rete da due passi. Quagliotto colpisce un clamoroso palo, mancando quel 3-0 che sigla comunque Tasca. Iessi inserisce il portiere di movimento, ma la conseguenza è il 4-0 di Pinto, che sradica il pallone a Mezzatesta e trovando la porta (vuota) dalla propria area. Il Molfetta un gol lo stramerita e dopo tanto penare lo fa con Gariuolo, che uno lo segna e l’altro lo sbaglia da due passi. L’autogol di Pinto rende meno amara la sconfitta del Molfetta. Nulla più, passa il Padova.

FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE A2 FEMMINILE
PALASAVELLI – PORTO SAN GIORGIO

QUARTI DI FINALE – VENERDÌ 30 APRILE (PALACHIERICI – TOLENTINO) *
1) VIRTUS ROMAGNA-AUDACE VERONA 1-3
2) BEST SPORT-TIKITAKA FRANCAVILLA 6-4
3) POLISPORTIVA FIVE BITONTO-VIS FONDI 4-1
4) PADOVA-MOLFETTA 4-2

SEMIFINALI – SABATO 1 MAGGIO *
X) AUDACE VERONA-BEST SPORT ore 11
Y) POLISPORTIVA FIVE BITONTO-PADOVA ore 17

FINALE – DOMENICA 2 MAGGIO *
VINCENTE X-VINCENTE Y ore 15

* diretta PMGSport Futsal

CLASSIFICA MARCATRICI FINAL EIGHT SERIE A2 FEMMINILE
3 RETI:
Nobilio (TikiTaka Francavilla)
2 RETI: Ceccobelli (Best Sport), Azevedo (Polisportiva Five Bitonto)
1 RETE: De Brito (Audace Verona), Tombola (Audace Verona), Coppola (Audace Verona), Mencaccini (Virtus Romagna), Zampetti (Best Sport), Marsili (Best Sport), Romano (Best Sport), Felicetti (Best Sport), G. Verzulli (TikiTaka Francavilla), Moreira (Polisportiva Five Bitonto), Tardelli (Polisportiva Five Bitonto), Guercio (Vis Fondi), Fernandez (Padova), Silva (Padova), Tasca (Padova), Pinto (Padova), Gariuolo (Molfetta)

ALBO D’ORO COPPA ITALIA SERIE A2 FEMMINILE
2015/2016
Thienese, 2016/2017 Real Sandos, 2017/2018 Real Balduina, 2018/2019 Virtus Ragusa, 2019/2020 non assegnata