FF Cagliari, Serpa pronto ai playoff: “New Team? Concentrazione e sacrificio”

FF Cagliari, Serpa pronto ai playoff: “New Team? Concentrazione e sacrificio”

Si parte! L’appuntamento tanto atteso è ormai alle porte. E allora scalpita la FF Cagliari che sabato al Pala Levante di Roma (ore 16) si gioca il primo match contro l’Atletico New Team in questo sprint di fine stagione. Sono i playoff promozione quelli che decideranno chi raggiungerà l’Italpol in Serie A2. Quattro squadre ancora in corsa e i rossoblu ci arrivano forti della seconda posizione conquistata durante la stagione regolare. Ma adesso quello che è accaduto alle spalle conta poco, perché il rush finale non fa sconti a nessuno e tutti partono alla pari. Gara uno si gioca in trasferta e i biancorossi di casa si giocheranno tutte le loro chance davanti al loro pubblico. Ma la FF Cagliari ha saputo dimostrare per tutto l’anno di essere squadra, solida e pronta per i match che contano, anche in trasferta come quella di sabato. E se i rossoblu arrivano alla gara forti delle due vittorie in altrettanti match di campionato contro l’Atletico, l’ultimo una settimana fa nell’ultima giornata giocata al Palaconi (6-3 il finale), dall’altra ogni dettaglio farà la differenza. Anche i gol fatti e subiti. Perché la formula prevede che passerà il turno chi avrà ottenuto il maggior punteggio e in caso di parità di punti il secondo parametro di qualificazione sarà il maggior numero di reti fatte nei due incontri (nel caso di parità ancora ci saranno due tempi supplementari da 5′ ed eventualmente i tiri di rigore).

SERPA Ma a chiarire da subito qual è la voglia dei rossoblu di dare tutto per la post season è Brunno Serpa, che affila le armi per gara uno. “Questa partita nonostante sia una semifinale dovremo affrontarla come tutte le altre: come una finale – dice il numero 10 rossoblu – dovremo stare attenti in difesa, soprattutto quando loro escono col portiere di movimento, come hanno fatto e anche bene l’ultima partita. In questa trasferta ci serve mettere in campo quello che abbiamo sempre cercato di fare: concentrazione e sacrificio. Ma abbiamo lavorato bene per tutta la settimana, cercando di curare i dettagli che abbiamo sbagliato l’ultima partita. Io sono pronto e sto bene – conclude Serpa – sono in una città dove ho fatto la mia maturazione, circondato da tanti amici e in una società seria che lavora bene. Mi sento molto bene e felice”.