FF Cagliari corsara a Colleferro, Podda: “Vittoria di sudore e atteggiamento”

FF Cagliari corsara a Colleferro, Podda: “Vittoria di sudore e atteggiamento”
Questa FF Cagliari sa solo vincere. A farne le spese, stavolta è il Forte Colleferro che si arrende ai rossoblu davanti al proprio pubblico. Arriva un’altra vittoria, stavolta i rossoblu calano il poker contro i laziali (4-1 il finale), dopo una gara intensa e combattuta, come da copione. Perché come tutti ormai hanno capito il finale di stagione in questo difficile torneo di Serie B riserva sempre grandi partite e soprattutto alcune certezze. La prima è che non ci sono match facili, e quella tra Colleferro e Cagliari è stata bella e divertente. La seconda è che Cagliari e Italpol (vittorioso contro Atletico New Team) continuano a macinare punti e a proporre un testa a testa da brividi.
IL MATCH Come quelli vissuti dal Colleferro dopo pochi minuti con il vantaggio cagliaritano grazie alla rete di Serpa. Un gol che non ammazza la partita e anzi riaccende i padroni di casa che si giocano a viso aperto il match rimettendo tutto in discussione a 3 minuti dall’intervallo con la rete del pareggio. E come all’andata Colleferro mette in campo un gran primo tempo per cercare di tenere testa alla vice capolista. Ma la FFC non vuole lasciarsi sfuggire neppure un’occasione e nella ripresa prima trova il gol del nuovo vantaggio con capitan Serginho, poi affonda gli avversari con Barbarossa che sigla la rete del 3-1. Prima della conclusione del match va a segno di nuovo Serpa per la sua personale doppietta e per la vittoria numero 14 dei rossoblu, l’ottava consecutiva, a decretare gli ennesimi tre punti (44quelli totali dei rossoblu in stagione).
PODDA A fine gara soddisfatto mister Diego Podda. “È stata una partita durissima ma giocata alla grande soprattutto nell’atteggiamento dei ragazzi – dice il tecnico rossoblu – i ragazzi sono stati all’altezza della situazione contro un avversario determinato come non mai. Sono tre punti di grandissima importanza, per la classifica e per la crescita della squadra, e si chiude un altro mini ciclo dove il gruppo continua ad alimentare ambizioni che vanno oltre la classifica. Perché sono le ambizioni di giocatori e società vogliosi di continuare a migliorare e crescere”. Poi una dedica speciale. “Questa è stata una vittoria di sudore, grinta e atteggiamento proprio come mi aveva chiesto Mirko, uno dei nostri tifosi più affezionati e più calorosi che compie gli anni e a cui la dedichiamo”.