Febbre da cavallo per il derby fra Vicenza e Carrè Chiuppano

Vicenza – Il Carrè Chiuppano punta al pareggio in casa del Vicenza C5. Attenzione, non è un’eresia: significa “pareggiare i conti”, visto che sicuramente il 6-5 capovolto del derby di andata è rimasto sul gozzo dei paladini biancazzurri di Ferraro, come da attese precampionato vera e propria… Ferrari fuoriserie della stagione dopo aver ingranato la marcia giusta. Solo due partite in folle infatti per la primatista del girone, una delle quali casalinghe e contro un Vicenza C5 capace di soffrire all’inverosimile per poi rimontare, subire la controrimonta e poi piazzare il colpaccio a fil di gong per un 6-5 elettrizzante nel momento migliore offerto dai biancorossi. Una pagina emozionante che però fa parte ormai degli amarcord, mentre d’attualità si sfoglia il derby di ritorno, in programma al Palavillanova sabato alle 15, e con un “CC” chiamato alla doppia responsabilità di non perdere il passo da leader e di vendicare lo sgambetto. Per Antonio Candeo, allenatore osannato nel primo corso nel futsal nazionale proprio a Carrè e dintorni, match speciale così come per Juan Lucca, bandiera degli altovicentini giunta in biancorosso lo scorso dicembre pronta a riabbracciare gli ex compagni.

Salvo malanni di stagione non si registrano assenze di rilievo nel quintetto di casa, che dovrebbe recuperare anche il portiere Ruzza per giocarsi la maglia con Casarotto, positivo sabato scorso a Besenello nella vittoria larga sul Rotal Five. Proprio il viatico di due vittorie di fila e una compattezza di gruppo ritrovata e riaffiatata consentono a Kokorovic e compagni di guardare con serenità e fiducia nei propri mezzi la battaglia-derby di sabato prossimo, anche se le inseguitrici continuano a premere alle spalle e la quota salvezza diretta si alza di giornata in giornata vista la bagarre che coinvolge praticamente metà delle partecipanti al gioco. Buono per lo spettacolo del futsal cadetto, con apprensione ed emozione a intrecciarsi ad ogni incontro da qui a fine stagione.

Si tratta del secondo confronto assoluto tra i due club vicentini, il primo con fattore pista a favore del Vicenza C5. All’andata sestina vincente firmata Moscoso, Zuccon, Kokorovic e tris di un Salamone campione per un giorno, ma da ricordare anche le parate del giovane Bellotto tra i pali, poi infortunatosi e rientrato in questi giorni. Guardando ai numeri non può che spaventare oltre che meritare applausi l’attacco feroce del “CC”, che viaggia su una media di quasi otto reti a partita (139 totali) con numeri da capogiro per i bomber Quinellato e Pedrinho, due lussi per la categoria. Biancorossi che rispondono con la quinta piazza in termini di prolificità (72 gol all’attivo) e una difesa sofferente ma con trend di affidabilità migliorato nelle ultime apparizioni.

Giovanili Vicenza

Under 21 – Fuoco e fiamme in casa del… Fiemme, la cenerentola del girone che per un soffio non fece le scarpe alla regina. Match di andata concluso sul 7-7 al Palospedaletto con un doppio regalo costato due punti nel finale, e stavolta la concentrazione sarà garantita per tutti i 40′ dalla banda Trentin, smaniosa di allungare la striscia positiva e magari anche il margine di vantaggio per cementare la leadership. In casa dei trentini l’obiettivo è dichiarato, quindi, riproponendo il gioco brillante espresso contro Verona e Bassa Atesina surclassate nelle ultime due domeniche.

Juniores – Dopo il possibile pareggio sfumato nel derby con il Real Arzignano (palo last minute colpito dai biancorossi di Zeppa), si torna in pista sabato pomeriggio in trasferta con sfida rivolta stavolta ai pari età del Moniego. Occasione per tentare di andare a punto, visti che si sfidano le due squadre accomodatesi loro malgrado negli ultimi due posti della graduatoria. Nel match di andata 8-4 per gli allora ispiti e stavolta padroni di casa veneziani.