Live Match

Faventia, il pari non basta con l’Eta Beta: la squadra di Placuzzi saluta la Coppa Italia 

Faventia, il pari non basta con l’Eta Beta: la squadra di Placuzzi saluta la Coppa Italia 

Il Faventia esce dalla Coppa Italia con il rammarico per aver vanificato due reti di vantaggio in pochi minuti per colpa di errori difensivi, ma con la certezza di essersi lasciato alle spalle il ko di Chieti di sabato scorso. La squadra di Placuzzi gioca infatti una gara di grande sostanza e aggressività, un ottimo viatico in visto dello scontro diretto con la capolista Buldog Lucrezia in programma sabato alle 15 al PalaCattani di Faenza.

IL MATCH – Il Faventia entra in campo con il giusto atteggiamento e dopo pochi minuti colpisce il palo con Catalano. La manovra offensiva continua ad essere ficcante, ma Barbieri e Karaja non trovano il gol. Alla prima disattenzione l’Eta Beta si porta in vantaggio. Al 9’ Ettaj finalizza il contropiede, venendo premiato anche dalla fortuna, perché il suo tiro viene parato da Conti poi il pallone grazie ad un rimpallo finisce in rete. Questa azione galvanizza i padroni di casa che trovano il raddoppio con Iacucci al 16’, azione nata da una palla persa a centrocampo. Il primo tempo finisce con il Faventia sotto di due reti, risultato che stimola la squadra, rientrata in campo con una incredibile determinazione e in pochi minuti arrivano ben quattro reti. Ad aprire le danze è Piallini, poi Karaja segna uno stupendo gol mandando il pallone nell’angolino basso e a completare l’opera sono Cavina e Catalano. Da sottolineare che dopo la prima rete i giocatori sono andati ad abbracciare l’infortunato Braga, costretto alla tribuna. All’11’ dunque il Faventia conduce 4-2, ma un calo di tensione permette all’Eta Beta di pareggiare i conti in soli due minuti, prima con Palazzi e poi con Giuliani. Il Faventia prova a ritornare in vantaggio, sfruttando la carta del portiere di movimento, sfiorando la rete con Catalano a pochi secondi dalla fine. L’Eta Beta si qualifica alla seconda fase della Coppa Italia grazie al maggior numero di reti segnate rispetto al Faventia.