Faventia, buio profondo. La Fenice Veneziameste vince 7-5

FENICE VENEZIA 7-5 FAVENTIA

Fenice: Bartolo, Giommoni, Vanin, Meo, Zupperdoni, Bertuletti, De Battista, Ortolan, Cavaglià, Hasaj, Nalesso, Molin. All.Pagana

Faventia: Conti, Lombardi, Cedrini, Cavina, Barbieri, Garbin, Soglia, Caria, Blankleider, Masetti. All.Bottacini

Reti: 4’pt Cavaglià (V), 6’pt, 7’pt e 10’st De Battista (V), 9’pt Giommoni (V), 17’pt Barbieri (F), 18’ pt AUT. Blankleider (V), 19’ Blankleider (F), 9’st e 17’stGarbin (F), 11’st Meo (V), 16’st Soglia (F).

Ammoniti: Garbin, Blankleider, Conti (F) Cavaglià, Zupperdoni (V).

Espulsi: Nessuno

 

MESTRE – Continua il periodo buio del Faventia che esce sconfitto per 7-5 dal Palafranchetti di Mestre nello scontro direttissimo contro i padroni di casa della Fenice. Ai manfredi costano cari gli errori difensivi della prima frazione che permettono ai lagunari di portarsi sul 4-0 nei primi dieci minuti di gara, un divario incolmabile nonostante la rimonta accennata dai romagnoli nel secondo tempo.

Pesano enormemente le assenze di Gatti, Grelle e Casadio cui si aggiunge il forfait dell’ultimo minuto di Federico Tampieri, sostituito in distinta dall’under 21 Lombardi che però non entrerà in campo. Le rotazioni scarseggiano, Caria non brilla così come Blankleider che ancora non riesce perfettamente ad entrare nelle trame di gioco. Non basta la buona volontà ai manfredi così come la buona prova di Cedrini, la doppietta di Garbin, e la prima rete di Soglia nel campionato cadetto ad evitare l’ottava sconfitta stagionale.

La giovane Fenice trascinata dal classe 97’ De Battista che si candida a diventare il nuovo Tenderini, ostacola la corsa del Faventia verso i playoff portandosi al terzo posto in classifica e costringendo i manfredi a giocarsi tutto nei prossimi 80’minuti a cominciare dal derby di sabato prossimo col Forlì in programma al Palacattani alle ore 16.00.