Doppio Cavinato, Ercolessi e De Oliveira: bis Italia, Romania battuta 4-2

Doppio Cavinato, Ercolessi e De Oliveira: bis Italia, Romania battuta 4-2

ROMANIA-ITALIA: 2-4 (1-1 p.t.)
ROMANIA: Tonița, Mancha, Ique, Stoica, Ferreira, Matei, Crăciun, Plugaru, Mánya, Szocs, Csoma, Pânzaru, Iancu, Grigoraș. Ct.: Lupu
ITALIA: Molitierno, Ercolessi, De Luca,Merlim, De Oliveira,Romano, Azzoni, Fortini, Murilo, Ugherani, Cavinato, Cesaroni, Musumeci, Miarelli. Ct.: Musti
MARCATORI: 13’35” p.t. Szocs (R) 16’48” De Oliveira (I), 0’35” s.t. Cavinato (I), 17’10” aut. Ercolessi (R), 17’50” Ercolessi (I), 18’23” Cavinato (I)
AMMONITI: De Luca (N), Ique (R), Ferreira (R), Matei (R), Murilo (I), Romano (I), Alpar (R)
ESPULSI: nell’intervallo Pânzaru (R)
ARBITRI: Vlad Nicolae Ciobanu (Romania), Daniel Deca (Romania), Bogdan
Valentin Hanceariuc (Romania)

Piatra Naemț, 5 febbraio 2019 – Seconda vittoria consecutiva dell’Italia davanti ai 1.200 spettatori della Sala Polivalentă di Piatra Naemț. Dopo il successo per 2-0 di lunedì griffato Romano-De Oliveira, gli Azzurri replicano grazie a De Oliveira, alla doppietta di Diego Cavinato e al gol di capitan Marco Ercolessi. Contro una nazionale in grande spolvero come la Romania, un doppio esordio più che positivo per la “nuova” Italia del Ct Alessio Musti.

 

 

PRIMO TEMPO – La prima occasione della gara capita all’Italia, che al quinto lavora bene un pallone lungo la fascia, con Cavinato impegnando Tonița. Subito dopo ci prova anche Carmelo Musumeci, ma il destro del 20 azzurro è alto sopra la traversa. Al 7′ bellissima combinazione fra Merlim e Cesaroni, con quest’ultimo che di sinistro chiama Tonița al grande intervento. I padroni di casa aumentano il forcing offensivo, cercando il primo gol in due partite, ma è l’Italia ad avere una grande doppia chance. Prima De Oliveira e sul seguente tap-in Romano, trovano due grandi risposte del portiere di casa. È così che, al tredicesimo, una bella giocata di Szocs permette alla Romania di sbloccare la partita. Incassato l’1-0, l’Italia rischia di subire l’immediato raddoppio, ma Ique grazia Molitierno. Musumeci, su velo di Romano, ha l’ottima chance per il pari, ma Stoica salva sulla linea di porta. La Romania commette l’errore di caricarsi di falli e Cavinato, approfittando del bonus raggiunto, salta secco Ferreira costringendolo a spendere un altro fallo: è il sesto ed è tiro libero. Dai 10 metri De Oliveira non si fa ipnotizzare, trovando l’1-1 dell’Italia. La gara si apre all’improvviso e prima Szocs e poi Merlim, sfiorano il gol prima della sirena dell’intervallo.

SECONDO TEMPO – Mentre le squadre rientrano negli spogliatoi, gli arbitri sventolano un cartellino rosso nei confronti di Pânzaru, reo di aver protestato oltre il limite. L’Italia, ricominciando il secondo tempo con l’uomo in più, ne approfitta subito segnando l’1-2 con Cavinato dopo appena 35”. La Romania non ci sta e spinta dal pubblico di casa impensierisce severamente Miarelli, subentrato in questo secondo a Molitierno, costretto ad almeno due grandi interventi su Szocs, il più pericoloso dei suoi. Al tredicesimo Musti butta nella mischia anche Gabriele Ugherani, all’esordio in azzurro. In ripartenza Murilo, servito perfettamente da De Oliveira, ha sul piede la palla del massimo vantaggio, ma ancora una volta Tonița è perfetto in opposizione. La partita però resta in equilibrio e sempre Szocs mette in apprensione l’Italia: prima è Miarelli a fare un miracolo sul 15 romeno, poi è la traversa – spizzata – a dirgli di no. Il gol è nell’aria e su un’accelerazione di Mancha Ercolessi devia sfortunatamente nella propria porta la rete del 2-2. Ma il capitano riesce a farsi subito perdonare: con un sinistro terrificante riporta avanti l’Italia 30” dopo il pari. La Romania accusa il colpo e Cavinato non si fa pregare, segnando la doppietta personale a novanta secondi dalla sirena di fine partita. Forte del 4-2 l’Italia resiste nell’ultimo minuto e mezzo di portiere di movimento romeno, con Miarelli che tira giù la saracinesca e non fa passare un pallone.

LE PAROLE DEL CT – Gli azzurri conquistano così la seconda vittoria in altrettante sfide con la Romania. Un esordio più che positivo per il Ct Alessio Musti: “Sapevamo di affrontare una gara più complicata rispetto a ieri. Valutare anche questo nostro stato era importante, cioè tenere botta sul piano fisico ed emotivo. Siamo stati bravi anche quando siamo andati sotto nel punteggio, anzi, per assurdo abbiamo avuto anche più occasioni di ieri. Un segno di grande personalità e grande voglia, ed è quello che mi interessava vedere. Abbiamo reagito bene in tutte le occasioni, facendo anche esordire Gabriele Ugherani. Il percorso di questo gennaio è stato molto positivo con grande soddisfazione di tutti”.