Cus Ancona, un pareggio e mille rimpianti con il Bulldog Lucrezia

Cus Ancona, un pareggio e mille rimpianti con il Bulldog Lucrezia

Era fondamentale tornare a vincere per gli anconetani dopo le ultime deludenti uscite. Così non è stato, e dalla gara casalinga con il Buldog Lucrezia è uscito un pari, che accontenta perlopiù gli ospiti, arcigni e mai domi. Partono forte i dorici che in cinque minuti vanno subito sul 2-0, grazie ad una doppietta di capitan Junior. Il 3-0 di Fioretti è una gemma, una sintesi perfetta di classe e intelligenza che il laterale nativo nel 1997 dimostra di possedere in quantità industriale. L’intervallo sembra solo il preludio ad una lenta cavalcata dei padroni di casa, e anche il momentaneo 3-1 di Rodrigo da Silva viene subito spento dal quinto goal stagionale del Guapo Yeray Alcaraz. Da qui in poi, il black out. Il Buldog Lucrezia, orfano di Lourencete e Moragas, diventa un incubo per la retroguardia universitaria. Una doppietta del giovane Rossi, e un altro timbro di Da Silva materializzano la doccia fredda, e fissano il risultato sul 4-4. Il forcing finale degli uomini di Fabio Carletti non serve a raddrizzare una gara parzialmente gettata alle ortiche. Un pareggio che sa di beffa, dopo aver condotto splendidamente per ampi tratti del match. Il prossimo turno di Corinaldo sarà fondamentale, per evitare di incorrere in brutte sorprese prenatalizie.

Marco Giacani: “Credo che abbiamo fatto un’ottima figura nel primo tempo mantenendo una buona pressione ed effettuando possesso palla come provato in settimana. A mio parere ci sono stati alcuni interventi arbitrali molto discutibili, che poi nel corso del match abbiamo pagato. Nella ripresa è subentrata la nostra imprecisione. Non ci siamo fatti trovare pronti, poca reattività e il Buldog Lucrezia è stato bravo ad approfittarne”.

Diego Vittori: “Nel primo tempo sembravamo aver ripreso quella brillantezza che mancava da diverse partite. Al ritorno in campo, nonostante l’episodio a favore degli avversari per il 3-1 siamo stati subito bravi a tornare sopra. Poi, luce spenta e da lì siamo andati in tilt. Peccato perché a mio parere siamo sulla strada giusta e questi episodi devono insegnarci tanto. Sabato prossimo sarà importantissimo fare punti, sappiamo che sarà durissima perché il Corinaldo al momento è un avversario difficilissimo”.

Ufficio Stampa Cus Ancona