Cobà da applausi, poi è rimonta Real San Giuseppe: 6-3 al PalaSavelli

Cobà da applausi, poi è rimonta Real San Giuseppe: 6-3 al PalaSavelli

Ottima prova, ma purtroppo non coronata alla fine da un risultato positivo quella del Futsal Cobà al cospetto del Real San Giuseppe, capolista incontrastata del girone B del campionato di Serie A2. Gli ospiti si sono presentati al PalaSavelli con tutte vittorie e un solo pareggio. Hanno alla fine ripetuto il 6-3 dell’andata, ma nel primo tempo hanno chiuso in svantaggio per 3-1 perché gli Sharks hanno giocato la più bella prima frazione della loro storia. Dopo 45 secondi infatti il Garoto de Maringa’ Borsato fa centro intervenendo per primo su una palla vagante. Raddoppia Nejc Generation Hozjan e triplica l’ottimo Fioretti dopo grande azione corale. Il Real San Giuseppe di Centonze – che forse non si aspettava un inizio tanto veemente – si raccatta con un gol di Favero verso la fine della frazione, ma il 3-1 dell’intervallo ci sta tutto.

E nella ripresa, fino alla metà circa, il canovaccio resta quello così come il punteggio. Tuttavia, il Real San Giuseppe dimostra via via che passa il tempo tutto il suo potenziale e con Ghiotti accorcia le distanze. Subito dopo Chimanguinho trova una sfortunata deviazione di Rubio sottomisura nella propria porta ed è il pareggio. Dopo altri 20 secondi, il primo errore del Cobà apre la strada a Pedro Guedes e così in men che non si dica dal 3-1 il Cobà si trova inopinatamente sotto. Campifioriti corre ai ripari e le tenta tutte così come i ragazzi per rimettere in carreggiata la gara, a partire dal quinto di movimento, ma Follador e il portiere Ranieri nel finale ci castigano in contropiede trovando giocoforza la strada spianata. Un 6-3 che non rende merito al Cobà non tanto (e non certo) per essere stati superiori agli avversari che sarebbe fuori luogo dirlo, ma per l’eccellente gara che hanno giocato fino alla sfortunata autorete del 3-2. Da lì purtroppo si è registrato un calo psicofisico, ma del resto inseguire per tutta la gara un intercity come lo squadrone campano non era facile senza poi doverne subire le conseguenze.

La gara quindi ha ribadito lo strapotere del Real San Giuseppe, ma ha anche detto che il Cobà può arrivare agli obiettivi tecnici prefissati (e mettiamoci anche che mancava Bordignon). Quindi, servono solo continuità di rendimento nella stessa gara e nell’arco del campionato. Il resto, lo abbiamo eccome. Ora, tutti attenti alla gara di sabato sul campo dell’ostica Lazio: dalla sconfitta odierna, si deve ripartire con consapevolezza nei nostri mezzi e voglia di tenere sempre la guardia alta.