Carrè Chiuppano, confermato il fisioterapista Cortiana: “Sintonia totale con Ferraro e Volpato”

Carrè Chiuppano, confermato il fisioterapista Cortiana: “Sintonia totale con Ferraro e Volpato”
Doppia news in casa biancazzurra, da una parte la conferma, per la quarta stagione consecutiva, del fisioterapista Giacomo Cortiana, dall’altra gli auguri per il suo compleanno.
Il suo curriculum:
Consegue il diploma triennale di massaggiatore massofisioterapista nel 2007
Nello stesso anno ottiene l’attestato di massaggiatore sportivo presso l’ associazione italiana massaggiatori sportivi
Abilitazione quinquennale ad osteopata acquisita nel 2011
Dal 2005 matura un esperienza di 6 anni presso il “Centro Prisma” di Schio
Dal 2011 fonda a Santorso “Fisiocortiana”, dove vengono eseguite tutte le più innovative tecniche di fisioterapia, osteopatia e ginnastica fisioposturale. Nel 2018, l’attività si trasferisce presso la nuova sede di Schio
Dal 2008 al 2013 fisioterapista ed osteopata al Giuriato C5, dove partecipa alla scalata dalla serie C alla serie A
Dal 2011 al 2017 fisioterapista ed osteopata al Famila Basket Schio, dove contribuisce alla conquista di 3 “triplete”
Buongiorno Giacomo e complimenti per questa quarta stagione consecutiva in biancazzurro! Come nasce la tua passione per la fisioterapia e l’osteopatia?
“Prima di iniziare l’attuale carriera, ho giocato per diversi anni a calcio. Prima nelle formazioni giovanili del Malo e poi a Schio, dove ho fatto parte della formazione Juniores, debuttando anche in Eccellenza. Dopo un periodo a Sarcedo in promozione, ho chiuso con l’Alto Astico Posina, in terza categoria. Durante l’esperienza scledense, ho subito un importante infortunio che ha interessato la caviglia ed il ginocchio. Le lunghe sedute di fisioterapia e l’aver frequentato continuamente centri specializzati, hanno suscitato in me una curiosità che poi si è trasformata in vocazione”.
E qual’è stato il percorso che ti ha portato ad occuparti di importanti club di futsal e di basket?
“Come accennato, ho chiuso la carriera di calciatore all’Alto Astico Posina. In quel periodo facevo già i primi massaggi ai miei compagni ed avevo iniziato gli studi che mi avrebbero portato a specializzarmi in fisioterapia ed osteopatia. Alcune conoscenze ed un pizzico di fortuna mi hanno portato poi ad iniziare una proficua collaborazione quinquennale con il Giuriato C5. Nel 2011, inoltre, grazie ad una giocatrice di basket che frequentava il Centro Prisma, ho cominciato a lavorare anche con il Famila. Sono state sei stagioni ricche di successi e soddisfazioni. Tre scudetti, tre coppe Italia e tre Supercoppe non si dimenticano facilmente”.
E come è iniziata l’avventura con il Carrè Chiuppano?
“Nel 2017, appena terminata l’esperienza con il Famila, mi ha contattato Matteo Apolloni. Per la verità, conoscevo già molto bene il sodalizio biancazzurro, un po’ per gli importanti risultati conquistati sul campo e un po’ per il fatto che una mia collaboratrice in Fisiocortiana, Jessica Martina, svolgeva lì le mansioni di fisioterapista. Terminata l’esperienza di Jessica, la società ha ritenuto opportuno chiamare me, anche per dare continuità al lavoro svolto egregiamente fino ad allora”.

E quest’anno a Carrè ritrovi un altro tuo collaboratore, Michele Marcante. Ci spieghi come interagiscono le vostre figure nella cura dello stato fisico degli atleti?
“Sono particolarmente soddisfatto dell’arrivo di Michele, si tratta di un professionista esemplare che rappresenterà sicuramente un valore aggiunto per la società. Quanto ai rispettivi ruoli, per usare una metafora, diciamo che lui dovrà portare “a pieni giri” il motore degli atleti ed io interverrò quando ci sarà da fare qualche “tagliando”, specie in caso di infortunio. L’osteopata in effetti interviene nella fase acuta delle disfunzioni muscolari. Poi, in una fase “intermedia”, la palla passa al fisioterapista che, in una fase più blanda dell’infortunio, consegna l’atleta al chinesiologo e cioè a Michele, che riporterà il giocatore a pieno regime”.
Che emozione si prova di fronte a questa nuova importante conferma, che ti porterà alla quarta stagione consecutiva in biancazzurro?
“Questa notizia rappresenta per me una grande gioia, sono molto grato e riconoscente verso la società. Ringrazio Matteo Apolloni e tutto lo staff tecnico. In particolare desidero ringraziare delle persone con cui nel tempo si è instaurata una bellissima amicizia, mister Ferraro ed il suo vice Volpato. Con loro la sintonia é totale”.
Toglici una curiosità, c’è qualche giocatore che ti ha dato particolari soddisfazioni? C’è un recupero o una guarigione di cui vai particolarmente fiero?
“In questo mestiere, fortunatamente, le soddisfazioni sono all’ ordine del giorno. Senza fare un nome in particolare, sono tanti i giocatori rimessi in piedi a tempo di record e questo ti ripaga pienamente del lavoro svolto”.
Ed un atleta che ti ha impressionato in modo particolare dal punto di vista fisico-atletico?
“In questo caso un nome lo faccio e dico Santana, un grande giocatore ed un atleta straordinario”.

Giacomo, un’ultima curiosità. C’è una disciplina sportiva che ti affascina in maniera particolare e con la quale ti piacerebbe in futuro poter collaborare?
“Oltre al futsal ed al basket, di cui ho parlato, con FisioCortiana collaboriamo anche con una squadra di ciclismo, la Bardiani CSF Faizanè, di cui siamo anche sponsor. Ed abbiamo un occhio di riguardo nei confronti del calcio, occupandoci per esempio delle visite medico-sportive dello Schio e del Summania. A proposito di calcio, ti confesso che sono tifosissimo della Juventus. Quando nel 2018 Stefano Sottoriva, allenatore e mia vecchia conoscenza al Giuriato C5, è stato chiamato nello staff tecnico di Mauro Zironelli alla Juventus Under 23, beh, in effetti un pensierino l’ho fatto. Quella è un’esperienza che sicuramente mi piacerebbe fare”.

Le dichiarazioni di mister Valter Ferraro: “Sono estremamente soddisfatto della conferma di Giacomo per un’ulteriore stagione. Si tratta di un professionista esemplare che ha maturato negli anni una grande esperienza nel Futsal ed in numerose altre discipline. Con lui e con tutto il suo staff si è ormai creato un rapporto di stima reciproca, oltreché di amicizia. Quest’anno ritrova poi Michele Marcante, con cui il rapporto è già collaudato. Auguro sin d’ora buon lavoro a lui ed a tutto lo staff di Fisiocortiana”.