Campifioriti mette in guardia il Cobà: “L’Olimpus è tosto”. Zacheo: “Io e il ruolo del pivot”

Campifioriti mette in guardia il Cobà: “L’Olimpus è tosto”. Zacheo: “Io e il ruolo del pivot”

Il punto della situazione con il tecnico del Futsal Cobà Leonardo Campifioriti ed Emanuele Zacheo

Mister Campifioriti, due gare giocate dall’ultima volta che ci siamo visti: sconfitta casalinga con l’Italpol con la “rosa” rimaneggiata di cui abbiamo già parlato e vittoria esterna con la Tombesi Ortona. Riguardo quest’ultima gara, cosa ha funzionato meglio dal punto di vista tattico di ciò che avete provato e preparato in allenamento?
“L’aspetto tattico che mi è piaciuto di più è stata la fase di non possesso e quindi la pressione che abbiamo portato alla squadra avversaria. La Tombesi per la prima volta in questo campionato schierava finalmente la formazione tipo, caratterizzata da grandi doti individuali e organizzative. Abbiamo tentato di inibire il gioco avversario con una pressione incessante ed organizzata alla squadra avversaria e questo è stato alla base del successo. Per quanto riguarda il resto, si stanno integrando benissimo i nuovi acquisti e in campo si è visto, con la tripletta di Rubio e la rete di Bordignon. Vittoria di platino comunque, su un campo piccolo e contro un avversario difficile”.

Cosa ci dici del nostro prossimo avversario, ovvero quell’Olimpus Roma che veleggia in una buona posizione di classifica ma che nell’ultimo turno si è fatta sorprendere in casa dalla Tenax Castelfidardo?
Ho ripetutamente visionato l’Olimpus ed è una squadra di cui bisogna avere grande considerazione. Ha ottenuto risultati importanti, anche se come dicevi l’ultimo turno è coinciso con passo falso inaspettato. Ha un roster importante fatto di una buona miscela di giovani ed esperti (Miguel Davila, Cittadini, Palfreeman, per citarne alcuni). Hanno però perso l’ultima gara non avendo Cittadini in campo e quindi non dobbiamo mollare la presa illudendoci di avere vita facile. Vogliamo però dare continuità ai nostri risultati, prima della pausa tra girone di andata e di ritorno. Un eventuale successo che cercheremo con tutte le nostre forze sarà importante anche in chiave di Coppa Italia di categoria, dove vogliamo ben figurare come lo scorso anno.

Caro Emanuele, hai potutto osservare, da grande promessa poi mantenuta del nostro Futsal Cobà, entrambi i gironi di serie A2 che abbiamo disputato e disputiamo: parlaci delle differenze che hai riscontrato
“Entrambi i campionati sono molto difficili e sia l’anno scorso che quest’anno siamo capitati nel girone più tecnico e qualitativo anche dal punto di vista agonistico. Fortunatamente, quest’anno è stato diverso e migliore l’approccio e la classifica lo dimostra”.

Hai avuto il privilegio di giocare con e contro compagni ed avversari di grande valore. Chi tra i primi ti ha trasmesso qualcosa da ricordare nel tuo bagaglio di conoscenze?
“Da quando ho iniziato a giocare a calcio a 5 ho avuto compagni disponibili e fantastici, i quali hanno giocato in categorie importanti e qualcuno di essi persino in Nazionale. Il Mister Campifioriti e Borsato sono le persone che mi sento di ringraziare particolarmente per quanto mi hanno trasmesso ed in particolare per avermi insegnato ad interpretare al meglio il ruolo di pivot, per me sotto certi aspetti inedito”.