Cagliari piegato da Fred nello scontro al vertice. Podda: “Onore all’Italpol”

Cagliari piegato da Fred nello scontro al vertice. Podda: “Onore all’Italpol”
Un finale palpitante, degno di un big match tra capolista e vice capolista. Il PalaConi d’altri tempi, colmo fino all’ultimo posto, per godersi lo spettacolo tra Italpol e FF Cagliari, le due squadre che fino a ora hanno dato vita a un emozionante testa a testa. A deciderla è il gol sulla sirena di Fred che sfrutta l’occasione di un Cagliari riversato in attacco, con il portiere di movimento, per giocarsi il tutto per tutto e prendersi la vittoria che avrebbe potuto dire sorpasso. Invece il 3-2 finale premia gli ospiti, bravi a superare una FFC che ancora una volta ha dimostrato di essere a pieno titolo tra le prime della classe nel girone più duro della serie B. Con la vittoria di sabato Italpol dà uno scatto decisivo verso la promozione diretta (sono 5 i punti che la separano dalla FFC a due gare dal termine), mentre i rossoblu si potranno giocare le loro chance promozione nei playoff, ormai sempre più vicini. Per Serginho e compagni resta la bella prova e l’affetto di un pubblico cagliaritano pienamente conquistato, e l’appuntamento è per sabato prossimo nella trasferta contro l’Active Network.
IL MATCH La gara tra le due migliori forze del campionato non poteva che aprirsi con le emozioni. Primo minuto e pericolo per la FFC. È Fred a tirare ma colpisce il palo. Il Cagliari risponde a 4′ con un tiro al volo di Barbarossa ma è largo di poco. La FFC non ha paura e 6′ Serginho su punizione sfiora l’incrocio. Passa un minuto e l’asse Fred – Garcia impensierisce la difesa rossoblu. Il numero 2 ospite scaglia la bomba dalla distanza ma Setzu vola in angolo. A 4′ dal termine magia di Sergio a liberarsi in dribling, palla in mezzo ma la difesa salva in angolo. Sul tiro dalla bandierina il capitano mette in mezzo per Serpa che trova la deviazione vincente (1-0). Nella ripresa arriva subito la doccia fredda. Trenta secondi sul cronometro e Ippoliti da centro area mette in porta il pareggio. Le squadre non vogliono sbagliare e la partita si fa meno divertente. Bisogna attendere metà tempo per vedere infiammarsi il match. Prima ci prova Ippoliti, ma Setzu respinge, poi Cintado fermato sempre dal portierone rossoblu con l’aiuto della traversa. La replica rossoblu è di Piaz e Saddi ma la palla non entra. Su capovolgimento di fronte punizione Italpol con Paulinho, ma il palo gli nega la gioia. A 13′ Barbarossa serve Alan davanti a Giannone ma il tentativo sotto porta è deviato in angolo. Italpol reagisce e a 6 minuti dal termine colpisce ancora il palo con Battella. Poco dopo Cintado, però, non sbaglia piazzando in rete il primo vantaggio. Ma la FFC c’è e con l’uomo di movimento trova il pari. A realizzarlo è ancora Serpa con un destro perfetto. All’ultimo respiro, però, l’azione decisiva. Cagliari riversato in avanti e palla a Serpa sul limite dell’area. Il numero 10 rossoblu va a terra ma per gli arbitri è tutto regolare. Fred dalla distanza scaglia il pallone che si insacca sul fischio finale e chiude il match.
PODDA “È stata una bella gara, ben giocata da entrambe le squadre e poteva finire con qualsiasi risultato. Onore a chi ha vinto perché ha fatto una signora partita – dice a fine match il tecnico rossoblù Diego Podda – siamo una società nuova e dobbiamo essere molto contenti di quello che abbiamo fatto davanti a una splendida cornice di pubblico e un Palazzetto pieno – aggiunge – ma siamo anche orgogliosi per come abbiamo preparato e poi giocato questa partita. Abbiamo avuto le nostre possibilità giocandocele fino all’ultimo secondo e questo era il nostro obiettivo”. Per Podda “una vittoria avrebbe consentito di aprire scenari differenti per poter vincere direttamente il campionato – spiega – ma ora dobbiamo finire le prossime due partite cercando di mantenere il secondo posto, credo che lo meritiamo, ma dobbiamo dimostrarlo già sabato prossimo a Viterbo in un’altra partita complicata”. Secondo il tecnico “bisogna andare avanti per continuare a migliorare con lo stesso entusiasmo di sempre perché non è certo questa sconfitta che frenerà il nostro cammino – conclude Podda – dobbiamo avere voglia di crescere e di dimostrarlo anche nelle prossime gare”.