Cabeça riaccende le speranze, ma Crema chiude il match: l’Aniene saluta la Coppa

Cabeça riaccende le speranze, ma Crema chiude il match: l’Aniene saluta la Coppa

La Cybertel Aniene, suo malgrado, saluta anzitempo la Coppa Italia. La Sandro Abate, infatti, si impone 4-1 sul parquet amico del PalaDelMauro e strappa, così, il pass per la Final Eight di Rimini.

PRIMO TEMPO – Il match si apre come peggio non poteva per i capitolini: Bagatini intercetta il passaggio di Schininà verso Cabeça e serve Jonas sulla sinistra, il quale chiude l’uno-due con lo stesso numero 8 che, dall’interno dell’area, non sbaglia. I ragazzi di Micheli, nonostante l’immediato svantaggio, non sbandano, bensì cominciano a macinare gioco. A 4’40” è Biscossi a impegnare Perez, mentre Taliercio, circa due minuti più tardi, si fa dire di no dall’estremo difensore verdeoro. Sul buon momento della formazione ospite, tuttavia, arriva il raddoppio dei padroni di casa: Fantecele, con una finta, taglia verso il centro e mette fuori causa Taloni; l’italo-brasiliano, al limite dell’area, lascia partire un destro che non lascia scampo a Mariano. Il team campano, poco dopo, ha l’occasione di portarsi sul 3-0 con Ercolessi, che, però, sciupa da posizione invitante. A metà della prima frazione sono Taliercio e Battistoni a tentare la soluzione da lontano, ma in entrambe le conclusioni si è opposto Perez. L’ex Meta si renderà ancora protagonista prima dell’intervallo, chiudendo la porta a Schininà e Taloni.

SECONDO TEMPO – Micheli scuote i suoi nell’intervallo e gli effetti si vedono già dai primi secondi della ripresa: Adbala, sull’out destro, lascia partire un tiro violento che costringe Perez a rifugiarsi in angolo. Il goleiro brasiliano dimostrerà ancora di essere in giornata, disinnescando, in serie, le conclusioni del vicecapitano giallonero, di Battistoni e di Biscossi. L’Aniene ci crede, ma, a 7’15”, arriva la terza rete della Sandro Abate: Dalcin serve una palla d’oro a Kakà sul secondo palo, che insacca rasoterra senza problemi. La sfida si riaccende a 8’35”, quando Fantecele rimedia il doppio giallo per proteste. La Cybertel ringrazia e, approfittando della superiorità numerica, accorcia sul 3-1 a 9’50” con Cabeça. Micheli, negli ultimi 5’30”, si gioca la carta del power play con Schininà. Anás, a 15’56”, ha tra i piedi la chance per accorciare sul -1, ma Perez si oppone. La gara, di fatto, ha il suo epilogo a 17’34”: Kakà intercetta il passaggio del nazionale marocchino e recapita la sfera a Crema, il quale si invola verso la porta ospite incustodita e mette il sigillo sulla partita. Alla sirena del PalaDelMauro, dunque, sono i padroni di casa a festeggiare. I capitolini, fuori dalla Coppa, potranno così concentrarsi sui rimanenti due impegni della regular season, il primo dei quali contro la Meta al To Live.