Cabeça e Schininà in gol, Lido ripreso due volte: Aniene, 2-2 al Di Fiore

Cabeça e Schininà in gol, Lido ripreso due volte: Aniene, 2-2 al Di Fiore

Termina senza vincitori né vinti il derby tra Todis Lido di Ostia e Cybertel Aniene. I ragazzi di Domenico Luciano si sono ritrovati sotto ben due volte, ma, grazie ai centri di Cabeça e Schininà, hanno strappato un altro punto prezioso per la corsa salvezza.

PRIMO TEMPO – Il match inizia in salita per la compagine giallonera: Motta intercetta un passaggio di Cabeça, si invola verso la porta difesa da Tondi e lascia partire un sinistro velenoso sul primo palo che sblocca il tabellone del PalaDiFiore. L’Aniene, sotto di un gol, mette alla prova i riflessi di Di Ponto, ma l’estremo difensore biancoblu è bravo a opporsi ai tentativi di Anás, Raubo e Battistoni. È il Lido a rendersi maggiormente pericoloso nella fase centrale della prima frazione. Gattarelli, a 12’ 39”, supera con un pallonetto il portiere ospite in uscita, con la sfera, tuttavia, che colpisce il palo. Solamente nove secondi più tardi, però, l’Aniene trova il pari: Schininà si guadagna un calcio d’angolo su lancio millimetrico di Tondi e mette al centro per Cabeça, che, rasoterra, deposita la palla in fondo al sacco. L’asso verdeoro si rifà velenoso sul finale di primo tempo mirando sotto le gambe di Di Ponto, che è costretto a un salvataggio pressoché sulla linea in seguito al suo intervento.

SECONDO TEMPO – I padroni di casa sfiorano il raddoppio già dopo soli 10” dall’inizio della ripresa, con Rocha che, da posizione defilata, costringe Tondi a rifugiarsi in angolo. Gli ospiti si scuotono con Anás, che di punta non riesce a centrare la porta di pochi centimetri. Cutrupi, sempre nelle prime fasi della seconda frazione, tenta in una rovesciata, trovando, tuttavia, il portiere giallonero a opporsi centralmente. Il numero 10 del Lido si rende ancora protagonista a 7’27” guadagnandosi, con un’azione personale, un fallo sulla trequarti. A incaricarsi della battuta è Motta, che colpisce in pieno il legno. La partita si infiamma, con buone azioni da entrambi i lati. Gattarelli, a 12’11”, prende ancora il palo su conclusione da fuori area e una manciata d’istanti più tardi, su azione in contropiede dell’Aniene, il tiro di Anás trova la stessa sorte. Il numero 4 biancoblu, però, a 16’39” porta nuovamente in vantaggio il Lido: suo il destro vincente che trova la deviazione di Poletto a pochi passi dalla linea. Luciano, a tal punto, chiama il time out e decide, così, di inserire Anás come portiere di movimento. La mossa ha subito l’effetto sperato: Schininà capitalizza l’assist di Taloni e spedisce il pallone alle spalle di un Di Ponto fuori causa. A 33” secondi dalla sirena si scaldano gli animi: dopo un contatto tra Cabeça e Poletto a gioco fermo, entrano in campo i componenti di entrambe le panchine. I direttori di gara, una volta calmati gli animi, espellono Pilloni e il dirigente biancoblu Abbate. Finisce 2-2 il derby al PalaDiFiore. La Cybertel Aniene, dopo il successo sul Real San Giuseppe, guadagna un altro punto verso la permanenza in Serie A e si prepara al terzo scontro salvezza di fila. Sabato 20 febbraio, sul parquet amico del To Live, ci sarà il Genova, per un’altra sfida dal sapore di finale.