Bottacini predica calma: “Faventia, pensiamo partita dopo partita”

Bottacini predica calma: “Faventia, pensiamo partita dopo partita”

Vincere e pensare ad una partita alla volta. E’ questa la filosofia che il tecnico del Faventia Simone Bottacini ha deciso di adottare per far fronte all’emergenza assenze nei due impegni ravvicinati di campionato e coppa. Parole ribadite con fermezza anche nella consueta conferenza stampa del giovedì alla vigilia della trasferta sul difficile campo del Vicenza che anticiperà di qualche giorno la trasferta di Coppa Italia in terra trevigiana:

“Per quanto riguarda il planning e gli obiettivi del Faventia – spiega l’allenatore – non possiamo soffermarci sulla partita di Coppa Italia, dobbiamo focalizzare l’impegno più imminente, e portarlo a termine nel migliore dei modi. La partita contro il Vicenza sarà assolutamente decisa dai primi episodi e dagli ultimi minuti di gara, vincerà chi riuscirà ad interpretare meglio la gara e gli ultimi minuti saranno decisivi per mantenere un risultato o ribaltarlo. Soltanto dopo la fine della partita lo staff tecnico e la dirigenza si siederanno ad un tavolo per capire come affrontare la trasferta contro Villorba in programma martedì sera.”

Ovviamente non mancheranno gli stimoli perchè ci sarà da difendere la piazza d’onore in classifica e superare il turno di Coppa Italia per avvicinarsi all’obiettivo Final Eight:

“Vedo un Faventia motivato – conclude l’allenatore – e determinato nelle prossime partite a non lasciare nulla sul campo, io personalmente non vedo l’ora di essere a Vicenza per togliermi il ricordo della sconfitta dello scorso anno e dimostrare che possiamo fare bene.”

Nella passata stagione infatti il Vicenza fu l’unica squadra, oltre a Merano, che si dimostrò in grado di vincere contro i manfredi sia in casa e sia in trasferta. L’affronto, per chiamarlo con un termine bottaciniano, è stato comunque parzialmente cancellato lo scorso 10 Ottobre, quando il Faventia recuperando il pesante passivo iniziale di 3 gol si è imposto per 10-4.

In quella partita il vero jolly del Faventia fu Nicolò Garbin che oltre a siglare una doppietta confezionò 3 assist fondamentali per la rimonta:

“Il Vicenza – conferma Garbin – è una squadra che può contare su un roster ampio e tecnicamente forte, e per questo motivo è strano che abbiano solo 18 punti. Un risultato a nostro favore non è così scontato soprattutto giocando in trasferta che non è mai facile. Dovremo dare il massimo e mantenere alta la concentrazione. Io personalmente finora non ho segnato tanto come l’anno scorso ma conto di migliorare significativamente a cominciare da questo sabato.”

Per la partita i padroni di casa faranno a meno del fantasista Kokorovic, ma potranno contare sulle prestazioni del talentuoso Hernandez nonché su Pasquale Del Gaudio e Granci Moscoso di ritorno dalla squalifica.

Diversa la situazione in casa romagnola, Bottacini infatti sarà ancora privo di Cavina, Venturelli e Moustadrif, e non potrà contare nemmeno su Bezzi che in settimana è tornato in Germania. Con Barbieri ancora acciaccato il Faventia si affiderà a Caria, tornato nei ranghi dopo il turno di stop, a Grelle e allo stesso Garbin. In ballottaggio per una maglia da titolare Cedrini e Tampieri con il secondo che sembra favorito. Il nuovo acquisto Casadio è ancora in attesa di esordire e probabilmente partirà dalla panchina così come gli “under” Vassura e Policarpo. Al posto di Masetti convocazione in vista per il terzo portiere Tronconi.